25 Lug 2017 21:10
Oasi dell'Immacolata tra petizioni, conferenze stampa e consigli comunali

Sono oltre 3.000 le firme per la petizione Oasi già a mani del Comitato "No nuovo centro commerciale dentro l'Oasi". La raccolta firme è in pieno svolgimento e continuerà sino alla [ ... ]

Città in (lenta) trasformazioneLeggi...
23 Lug 2017 20:25
Regolamento Bio: la montagna ha partorito un topolino

di Vincenzo Vizioli, presidente nazionale AIAB. Alla fine la montagna ha partorito un topolino. La mediazione trovata in extremis sul nuovo regolamento europeo sul biologico che chiude [ ... ]

Consumo CriticoLeggi...
23 Lug 2017 20:22
Copenhagen, una capitale a misura di ciclista

di Davide Mazzocco.
La città ideale per chi pedala è ancora una volta Copenhagen. A confermare la capitale danese in vetta alla classifica delle città amiche della bicicletta e dei [ ... ]

Ambiente e TerritoriLeggi...
23 Lug 2017 20:16
Nasce AstiRooms, casa per studenti, lavoratori e turisti

Asti, via Puccini 11, quartiere Torretta. Una volta c'era una villa che ospitava le suore Immacolatine. La villa c'è ancora, le suore non più. E da tempo l'edificio era stato abbandonato [ ... ]

Città in (lenta) trasformazioneLeggi...
23 Lug 2017 20:00
Lo sgombero delle famiglie di strada Fortino

A cura di alcuni solidali presenti allo sgombero. Mercoledi 19 Luglio 2017 sono state sgomberate le tre famiglie che ancora occupavano lo stabile di strada Fortino, ad Asti. La Questura [ ... ]

Città in (lenta) trasformazioneLeggi...
20 Lug 2017 09:51
Gli schiavi dei kiwi nell’Africa di Cuneo

di Maurizio Pagliassotti*. Saluzzo, secondo giardino ortofrutticolo d’Europa non è Rosarno: ci sono i neri che arrivano da tutto il mondo, i «moru» come vengono chiamati da queste [ ... ]

Cuneo Langhe e RoeroLeggi...
19 Lug 2017 11:50

a cura del Comitato Acqua Bene Comune di Cuneo. Il Comitato Acqua Bene Comune di Cuneo non dorme sonni tranquilli. Il processo per rendere pubblica la gestione dell'Acqua nell'ATO 4 [ ... ]

Cuneo Langhe e RoeroLeggi...
19 Lug 2017 10:20
11 luglio 2017 - Non vogliamo dimenticare Srebrenica

 a cura delle Donne in Nero contro la guerra di Alba. A Srebrenica, Bosnia Erzegovina, l’11 luglio 1995, oltre 10.000 maschi tra i 12 e 76 anni vennero catturati, torturati, uccisi [ ... ]

Cuneo Langhe e RoeroLeggi...
19 Lug 2017 07:06

a cura del collettivo De-Generi. All’indomani della straordinaria riuscita del Pride – forse la più grande manifestazione politica degli ultimi vent’anni ad Alba – il Collettivo [ ... ]

Cuneo Langhe e RoeroLeggi...
04 Lug 2017 15:15
Il punto sull'acqua pubblica al termine delle consultazioni pubbliche


a cura del Comitato Cuneese Acqua Bene Comune.

Con i ballottaggi di domenica 25 giugno si è concluso anche in provincia di Cuneo il turno di elezioni amministrative che ha coinvolto [ ... ]

Cuneo Langhe e RoeroLeggi...

Cerca nel sito

ANTIGNANO: Camminata Notturna

Luglio
Giovedì
27
L’Associazione Insieme, con il patrocinio del Comune di Antignano, organizza “Ascoltiamo la voce del…
20:45 h

ASTI: Con fine

Luglio
Giovedì
27
Tornano anche quest'anno gli incontri estivi nel Cortile del Centro culturale cittadino San Secondo …
20:45 h

SINIO: Biologico da misurare, quali para…

Luglio
Venerdì
28
Lo Studio tecnico Fitoiatrico, in collaborazione con Az. Agr. Rivetto invitarvi al workshop "Biologi…
10:00 h

DEMONTE: La storia della Valle Stura

Luglio
Venerdì
28
Venerdì 28 luglio si terrà la seconda delle due conferenze, a cura di Silvano Taricco, sulla storia …
21:00 h

NEIVE: Ultimo appuntamento con i “Venerd…

Luglio
Venerdì
28
Venerdì 28 luglio si conclude a Neive la rassegna estiva “I Venerdì del borgo”: in piazza Cocito all…
21:00 h

BIONZO DI COSTIGLIOLE D'ASTI: Paesaggi e…

Luglio
Venerdì
28
Continua il festival festival “Paesaggi e oltre”, teatro e musica d’estate nelle terre dell’UNESCO, …
21:30 h

CASTELNUOVO DON BOSCO: Dal Colle al Font…

Luglio
Sabato
29
In collaborazione con la Comunità salesiana del Colle Don Bosco, l'associazione Camminare lentamente…
16:30 h

ALBA: Sotto le stelle di Santa Rosalia

Luglio
Sabato
29
Camminata proposta dall'Associazione Terre Alte.
Sabato 29 luglio.

Il nome Santa Ros…
19:30 h

Aramengo: sacrificare una collina per una nuova piscina



di Alessandro Mortarino.

Aramengo è un piccolo comune adagiato a semicerchio sulla cresta di un anfiteatro naturale tra le verdi colline del Basso Monferrato. E Canuto è una delle sue località, ai confini con la frazione Marmorito: una zona collinare che in questi giorni è divenuta centro di attenzione per un progetto parecchio invasivo, interessato da una variante del piano regolatore attraverso la quale l'amministrazione comunale vorrebbe favorire l'installazione di un impianto sportivo di grandi dimensioni e di sicuro impatto paesaggistico e ambientale ...

La variante in questione è la numero 4 e si tratta di una variante parziale, cosa che (date le dimensioni del progetto) lascia già un po' perplessi poiché sarebbe molto più logico considerare come "strutturale" una modificazione così ampia del vigente strumento urbanistico comunale.

L'Area oggetto d'intervento risulta attualmente pari a 8.008 metri quadrati, ma viene portata a 21.885 metri quadrati, con
un aumento pari a 13.877 metri quadrati: si incrementa quindi enormemente il consumo di suolo agricolo del 3,38% a fronte di una serie di altre aree del territorio comunale destinate a nuovi insediamenti residenziali nel vigente PRGC e ancora non attuate.
Secondo l'amministrazione il progetto (approvato dal Consiglio comunale a metà febbraio) ha comunque le carte in regola per poter procedere, ma sorprende che parallelamente non vengano stralciate le altre aree edificabili, lasciando dunque il dubbio che oltre a questo progetto iper dimensionato possano svilupparsi anche tutti gli altri possibili nuovi insediamenti.
A nostro avviso occorre, quindi, che l'intero PRGC venga variato e che l'amministrazione si assuma la responsabilità piena di un intervento a favore di questo "bizzarro" impianto natatorio.

Il progetto ipotizza la realizzazione di un impianto sportivo dotato di una piscina lunga 25 metri con copertura mobile in grado di consentire tutte le attività di nuoto e scuola nuoto per adulti e bambini. Accanto a questa vasca più grande è prevista anche la costruzione di una  seconda vasca ludico-didattica esterna dedicata a tutte le attività di ginnastica acquatica, un’area relax esterna, un solarium estivo, un’area di sosta per camper e un’area dedicata a gioco bimbi e picnic. E, naturalmente, un parcheggio adeguato a servizio di tutte le attività.
La  piscina e il totale della superficie coperta occuperebbero un quarto dell’area, con un’altezza massima di 10 metri da distribuire su 2 piani.

Diciamolo senza remore: una vera colata di cemento in un luogo ambientalmente ancora sostenibile !

Eppure l'articolo 31 del PTR (Piano Territoriale Regionale) ci pare abbastanza chiaro quando afferma che "nuovi impegni di suolo a fini insediativi e infrastrutturali possono prevedersi solo quando sia dimostrata l’inesistenza di alternative di riuso e di riorganizzazione degli insediamenti e delle infrastrutture esistenti. In particolare è da dimostrarsi l’effettiva domanda previa valutazione del patrimonio edilizio esistente e non utilizzato, di quello sotto-utilizzato e di quello da recuperare".

I proponenti parlano di un investimento di circa 1 milione di euro e ci chiediamo quanti "secoli" occorreranno per rientrare da un esborso finanziario così cospicuo. Non crediamo che alle spalle vi siano "nababbi": dunque, come rientrerà questo investimento ?
Probabilmente da un altro capitolo "accessorio", di cui non si trova traccia nella variante approvata: un impianto di pirolisi che dovrà servire per alimentare energeticamente la piscina iper dimesionata e (certamente) per cedere alla rete elettrica il surplus prodotto ...

Un gruppo di cittadini si è costituito in comitato per contrastare questo assurdo progetto e sta spingendo, in particolare, proprio sull'impatto dell'impianto di produzione energetica.
Ma a noi pare che la questione viva di due tempi conseguenti: prima sussiste il grave danno paesaggistico che verrebbe causato dalla costruzione dell'impianto natatorio e che ci pare grave e inaccettabile.
In seconda battuta tutti i "pericoli" derivanti da un impianto pirogassificatore di dimensioni tutt'altro che contenute e approvvigionato da fonti di cui al momento non si conoscono entità nè provenienza nè bilancio ambientale.

Curioso che l'amministrazione comunale indichi la piena sostenibilità di un progetto in realtà così devastante tanto da coinvolgere Legambiente come suo "sponsor".
Giancarlo Dapavo, presidente del circolo Gaia di Legambiente Asti ha pubblicamente chiarito che "non tutti i sistemi di pirolisi sono positivi. Trattare rifiuti urbani o industriali con pirolisi, con incenerimento ecc. non lo condividiamo mai perchè ogni scarto può essere riutilizzato per fare altri prodotti utili, si chiama «economia circolare» e crea lavoro molto più della distruzione degli scarti. Siamo contrari a coltivare prodotti agricoli per l’incenerimento, le biomasse per produrre biogas e per la pirolisi: l’agricoltura serve per produrre alimenti. La proposta dell’amministrazione di Aramengo è ampiamente incompleta e di conseguenza non si può dare un giudizio. Comunque il rischio di costruire un impianto di pirolisi che tratterà rifiuti è presente. È necessario che l’amministrazione e il comitato vigilino con precisione tutto il processo di autorizzazione".

Al momento Arpa, Provincia di Asti e Asl non hanno evidenziato motivi ostativi al rilascio dell'autorizzazione per la variante al PRGC, mentre per l'impianto di pirolisi tutto è ancora sotto traccia.

Il Movimento Stop al Consumo di Territorio e il Forum nazionale Salviamo il Paesaggio rivendicano la loro piena contrarietà alla variante e sono pronti a far valere le ragioni dei cittadini per fermare sul nascere un progetto decisamente grave e "fuori contesto": il suolo e il paesaggio vanno rispettati. Sempre.

Anche ad Aramengo ...

Anche Luca Mercalli invita alla riflessione chi, per qualche centesimo al metro, vende la propria terra irrimediabilmente! Ecco una sua breve testimonianza video: https://www.facebook.com/102466106953803/videos/vb.102466106953803/103986313468449/?type=2&theater


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

I vostri commenti

  • A scuola per trasformare il tuo in mio...

    Paola 20.07.2017 05:25
    Che bello! Sono sempre più convinta che, come dici tu, il tempo dedicato a creare situazioni di collaborazione e condivisione, sia tempo guadagnato e non perso!! Anche, e soprattutto, queste sono competenze: in alcuni casi se non è la scuola a lavorarci sopra, che cosa resta? Grazie!

    Leggi tutto...

     
  • Lo sbilancio delle Province e delle Città Metropolitane

    giovanni pensabene 19.07.2017 12:27
    Erano così convinti che il popolo avrebbe osannato la loro schiforma costituzionale che il comma 51 dell'art 1 della legge Delrio (del 2014, due anni prima del referendum costituzionale) recita, ancora oggi, testualmente: "51. In attesa della riforma del titolo V della parte seconda della Costituzione ...

    Leggi tutto...

     
  • Chiusa la vicenda Teleriscaldamento, si apre quella per l'Oasi dell'Immacolata

    M.G. 14.07.2017 07:04
    Ma il Piano Territoriale della Regione Piemonte non dice che PRIMA occorre riutilizzare le strutture edilizie inutilizzate ??? M.G.

    Leggi tutto...

     
  • A scuola per trasformare il tuo in mio...

    M.G. 14.07.2017 06:59
    Bravissimi ! E' dall'infanzia che si deve imparare a condividere con gli altri e non a competere ... M.G.

    Leggi tutto...

     
  • Se i mezzi pubblici fossero gratis

    Pieranna Borio 25.05.2017 14:12
    Io aggiungerei un terzo motivo di insuccesso dei primi esperimenti, un errore di metodo: la gratuità offerta in modo "studiato" su particolari esigenze (es. solo in fasce orarie meno frequentate o in zone periferiche dove ci sono meno servizi sotto casa), stimola le persone a fare delle scelte ...

    Leggi tutto...

     
  • Confrontiamo i candidati a Sindaco sui temi ambientali

    Pierpaolo De Fina 18.05.2017 07:58
    Se tutte le risposte sono in linea con quelle date per il teleriscaldamento possiamo vedere in modo lampante che come al solito prevalgono le balle elettorali sulle reali intenzioni della maggior parte dei candidati. Peccato che per ogni candidato non ci sia una premessa atta a far capire cosa questo ...

    Leggi tutto...

 

Newsletter

Eventi ad Asti e Provincia

Eventi Cuneo, Langhe, Roero

Salviamo il paesaggio
Stop Consumo di suolo
Forum Acqua
Il gasti
Centro San Secondo
Progetto Radis
Altritasti Periodico on line dell'Associazione di Promozione Sociale Altritasti - via Carducci 22 - 14100 Asti - C.F. 92060280051
Registrazione: Tribunale di Asti n. 7/2011 del 28.10.2011 - Direttore Responsabile: Alessandro Mortarino