17 Gen 2018 18:09
Uniamoci contro l'odio in rete

    di Maurizio Bongioanni. L'altro giorno ho provato a rispondere singolarmente a ogni commento razzista comparso nei post pubblicati dalla Gazzetta d'Alba per quanto riguarda [ ... ]

Cuneo Langhe e RoeroLeggi...
14 Gen 2018 21:13
Disabilità, dignità e i rischi di una recente delibera sulla vita indipendente

di Domenico Massano. Il 22 dicembre scorso, nel corso di una conferenza stampa, un gruppo di Consiglieri di opposizione e i rappresentanti di diverse associazioni hanno richiesto [ ... ]

Città in (lenta) trasformazioneLeggi...
14 Gen 2018 21:05
Politica e solidarietà, le mani del noi...

di Francesco Gesualdi*. Il mondo ha bisogno di solidarietà. Per il bene di tutti, non solo dei deboli perché prima o poi anche i ricchi e i più forti cadono a terra e hanno bisogno [ ... ]

Diritti SocialiLeggi...
14 Gen 2018 21:01
Siamo ancora il paese dove fioriscono i limoni?

di Domenico Finiguerra. Nel 1795, nel romanzo di formazione Gli anni di apprendistato di Wilhelm Meister, Goethe faceva cantare così Mignon, la ragazzina di origini italiane che [ ... ]

Ambiente e TerritoriLeggi...
14 Gen 2018 20:54
L’Ispra promuove un concorso fotografico sul consumo di suolo

Il Forum Salviamo il Paesaggio promuove convintamente l’iniziativa dell’Ispra, Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, relativa ad un concorso fotografico [ ... ]

Ambiente e TerritoriLeggi...
14 Gen 2018 20:50
Appello perché Erasmo sia veramente riconosciuto come maestro per tutti di umanità e di universalità

Nel 1501 Erasmo da Rotterdam scriveva l'Enchiridion militis christiani in cui formulava succintamente le sue proposte di riforma della Chiesa (pubblicato nel 1503 e ripubblicato a [ ... ]

Diritti SocialiLeggi...
07 Gen 2018 15:49
L'ansia intellettuale da sacchetto di plastica

di Alessandro Mortarino. Da giorni sui social network si è scatenata una spropositata reazione di massa a riguardo della tassa che il Governo italiano ha imposto per l'incartamento [ ... ]

Ambiente e TerritoriLeggi...
07 Gen 2018 15:47
L’appello degli scienziati sul clima

di Guglielmo Ragozzino. 15 mila scienziati di 184 paesi hanno sottoscritto un solenne messaggio sullo stato del pianeta, invitando l’umanità a cambiare modello di vita per evitare [ ... ]

Ambiente e TerritoriLeggi...
07 Gen 2018 15:43
Una giornata non basta: rallentare la corsa al consumo di suolo in attesa della sospirata legge nazionale

di Luca D’Achille. Il 5 dicembre c’è stato l’annuale appuntamento con la Giornata Mondiale del Suolo, occasione per riflettere ancor di più sul problema del consumo di questa [ ... ]

Ambiente e TerritoriLeggi...
07 Gen 2018 15:39
Cassa Depositi e Prestiti e Tesoro taglieggiano i Comuni

di Marco Bersani, Attac Italia. Uno dei vincoli introdotti dal Trattato di Maastricht riguarda il divieto per i Paesi membri di ricorrere all’assistenza finanziaria dell’Unione, [ ... ]

Diritti SocialiLeggi...

Cerca nel sito

Gen
19

Ven 19 Gen 2018 17:00 - 19:00

Gen
19

Ven 19 Gen 2018 18:00 - 20:00

Gen
19

Ven 19 Gen 2018 21:00 - 22:00

Gen
19

Ven 19 Gen 2018 21:15 - 23:00

Gen
20

Sab 20 Gen 2018 08:30 - 11:30

Gen
20

Sab 20 Gen 2018 10:30 - 12:00

Gen
20

Sab 20 Gen 2018 20:00 - 23:00

Gen
20

Sab 20 Gen 2018 21:00 - 23:00

Gen
21

Dom 21 Gen 2018 09:00 - 12:00

Gen
21

Dom 21 Gen 2018 16:00 - 18:00

Gen
21

Dom 21 Gen 2018 16:30 - 17:30

Gen
21

Dom 21 Gen 2018 17:00 - 19:00

Gen
21

Dom 21 Gen 2018 22:00 - 23:30

Gen
22

Lun 22 Gen 2018 17:00 - 18:30

Gen
23

Mar 23 Gen 2018 17:30 - 23:00

Abbattere quegli alberi: un errore



di Mario Malandrone.

Domenica mattina all'alba è iniziato l'abbattimento di pioppi cipressini in Piazza D'Armi ad Asti. Alcuni abitanti si sono lamentati di questo abbattimento che lunedì mattina stava proseguendo. Quell'area che dal 2004 ha visto una nuova pianificazione e molte costruzioni, ha pochissimi alberi e poco verde come gran parte della zona est della città ...

Le motivazioni portate dagli assessorati competenti sono state da una parte una nuova viabilità (marciapiedi e pista ciclabile), dall'altra lo stato di salute degli alberi. A osservare la piazza non c'è certo da andare fieri di un progetto urbanistico di dubbia bellezza, un enorme "non luogo" che però è storia vecchia e risale al 2004, poi rilanciato nel 2013.
Una pianificazione che sa di colata di cemento e quartiere alienante, i luoghi che lo contraddistinguono sono al più caserme e supermercati sul fronte di Viale Pilone. Parlare di scelte passate oggi suona fuori tempo, ma si sa che con l'edificazione arrivano gli oneri e su come spenderli, o come investirli in opere, la scelta è stata fatta negli stessi modi in tutti questi anni e il taglio di quegli alberi sa molto di ubriacatura da oneri di urbanizzazione.

La seconda giustificazione relativa agli alberi malati non è per nulla convincente: non solo non lo erano, ma i pioppi cipressini sono autoctoni e possono vivere fino a 300 anni. Ci dicono che ne pianteranno altri, più adatti: questo non toglie illogicità ambientale alla scelta di abbatterli.
Nessuna prova di uno stato di salute precario, nessuna perizia prima di decidere!

L'attuale giunta aveva già in passato promesso che nel caso di abbattimenti sarebbero stati coinvolti, per valutarne l'opportunità, gli organi professionali e le associazioni ambientaliste. Non solo questo non è avvenuto, ma un cartello dava come motivazione lo stato di salute degli alberi.

Inoltre nelle varie discussioni con decisori e con operatori in cantiere si è citato spesso il non essere adatti al posto.
Sarebbe meglio precisare che il pioppo cipressino raggiunge anche i 300 anni di età, è molto resistente all’inquinamento urbano, inoltre non sembra particolarmente soggetto a malattie o attacchi di parassiti e non produce quella infiorescenza causa di fastidiosissime allergie.
Data la sua caratteristica resistenza agli inquinanti, viene spesso utilizzato per mascherare stabilimenti industriali, come barriere antinquinanti, frangivento, per far ombra e a scopo ornamentale per grandi viali, strade o lungo i canali fluviali.
Il suo legno, di scarsa qualità, non permette utilizzi degni di nota, se non quello della produzione della carta.

Questa scelta di non inglobare, visto che lo spazio c'è, l'alberata in un progetto di riqualificazione dell'area denota che dal 2004 al 2017 chi ha pensato a urbanizzazioni non ha mai tenuto conto del valore ambientale degli alberi. In un periodo storico in cui la consapevolezza ambientale è cresciuta tra i cittadini, pare manchi ancora tra gli amministratori, gli operatori economici, le associazioni di costruttori e cooperative che lavorano su quell'area.

Quell'area poteva essere pensata diversamente o ripensata, potevano essere fatti la pista ciclabile e i marciapiedi e si potevano liberare quegli alberi dall'asfalto, ma si è preferito andar giù di motosega. Altro errore clamoroso è la comunicazione: i tempi dell'abbattimento, le motoseghe hanno iniziato a tagliare all'alba di una domenica mattina.

Si sa che, come diceva Rino Gaetano, "Fabbricando case ci si sente più veloci e più leggeri" e quindi attenzione all'ambiente, alla comunicazione sono inutili appesantimenti.

Crediamo sia urgente un mondo politico più attento, più adeguato ai tempi, che metta in primo piano l'ambiente e la vivibilità.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

I vostri commenti

  • Uniamoci contro l'odio in rete

    Claudia 18.01.2018 09:06
    Complimenti per l'idea, ma proprio non potrei pensare di rispondere a queste persone, anzi spesso mi trattengo dal farlo per non alimentare polemiche che mi fanno poi solo stare male. Io credo che il male si possa annullare solo con il bene, quindi preferirei un gruppo che faccia vedere casi positivi ...

    Leggi tutto...

     
  • Uniamoci contro l'odio in rete

    NATASCIA SANNA 18.01.2018 08:40
    grazie di esserci e di avere il fegato di guardare i commenti..io non ce la faccio mi prende lo sconforto...ho notato che questi giornaletti locali sono pessimi..corriere di Bra tempo fa ha pubblicato un articolo terroristico e fazioso nonchè falso,abbiamo fatto presente alla redazione che non ci si ...

    Leggi tutto...

     
  • Uniamoci contro l'odio in rete

    paolo dalmasso 18.01.2018 07:30
    che bello sentire questa bella energia e parole! Io non sono su fb, ma se questo è il fine, lo spiegare ai razzisti che è possibile pensare che siamo tutti uguali e soprattutto che un'ingiustizia (malfunzionamento di una struttura) è uguale per tutti, allora mi iscriverò per farne parte! Buona giornata ...

    Leggi tutto...

     
  • Uniamoci contro l'odio in rete

    Alessandro Mortarino 17.01.2018 20:45
    Sante parole ! Il gruppo FB lo chiamerei: "La Ragione anzichè la pancia" ....

    Leggi tutto...

Salviamo il paesaggio
Stop Consumo di suolo
Forum Acqua
Il gasti
Centro San Secondo
Progetto Radis
Altritasti Periodico on line dell'Associazione di Promozione Sociale Altritasti - via Carducci 22 - 14100 Asti - C.F. 92060280051
Registrazione: Tribunale di Asti n. 7/2011 del 28.10.2011 - Direttore Responsabile: Alessandro Mortarino