17 Gen 2018 18:09
Uniamoci contro l'odio in rete

    di Maurizio Bongioanni. L'altro giorno ho provato a rispondere singolarmente a ogni commento razzista comparso nei post pubblicati dalla Gazzetta d'Alba per quanto riguarda [ ... ]

Cuneo Langhe e RoeroLeggi...
14 Gen 2018 21:13
Disabilità, dignità e i rischi di una recente delibera sulla vita indipendente

di Domenico Massano. Il 22 dicembre scorso, nel corso di una conferenza stampa, un gruppo di Consiglieri di opposizione e i rappresentanti di diverse associazioni hanno richiesto [ ... ]

Città in (lenta) trasformazioneLeggi...
14 Gen 2018 21:05
Politica e solidarietà, le mani del noi...

di Francesco Gesualdi*. Il mondo ha bisogno di solidarietà. Per il bene di tutti, non solo dei deboli perché prima o poi anche i ricchi e i più forti cadono a terra e hanno bisogno [ ... ]

Diritti SocialiLeggi...
14 Gen 2018 21:01
Siamo ancora il paese dove fioriscono i limoni?

di Domenico Finiguerra. Nel 1795, nel romanzo di formazione Gli anni di apprendistato di Wilhelm Meister, Goethe faceva cantare così Mignon, la ragazzina di origini italiane che [ ... ]

Ambiente e TerritoriLeggi...
14 Gen 2018 20:54
L’Ispra promuove un concorso fotografico sul consumo di suolo

Il Forum Salviamo il Paesaggio promuove convintamente l’iniziativa dell’Ispra, Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, relativa ad un concorso fotografico [ ... ]

Ambiente e TerritoriLeggi...
14 Gen 2018 20:50
Appello perché Erasmo sia veramente riconosciuto come maestro per tutti di umanità e di universalità

Nel 1501 Erasmo da Rotterdam scriveva l'Enchiridion militis christiani in cui formulava succintamente le sue proposte di riforma della Chiesa (pubblicato nel 1503 e ripubblicato a [ ... ]

Diritti SocialiLeggi...
07 Gen 2018 15:49
L'ansia intellettuale da sacchetto di plastica

di Alessandro Mortarino. Da giorni sui social network si è scatenata una spropositata reazione di massa a riguardo della tassa che il Governo italiano ha imposto per l'incartamento [ ... ]

Ambiente e TerritoriLeggi...
07 Gen 2018 15:47
L’appello degli scienziati sul clima

di Guglielmo Ragozzino. 15 mila scienziati di 184 paesi hanno sottoscritto un solenne messaggio sullo stato del pianeta, invitando l’umanità a cambiare modello di vita per evitare [ ... ]

Ambiente e TerritoriLeggi...
07 Gen 2018 15:43
Una giornata non basta: rallentare la corsa al consumo di suolo in attesa della sospirata legge nazionale

di Luca D’Achille. Il 5 dicembre c’è stato l’annuale appuntamento con la Giornata Mondiale del Suolo, occasione per riflettere ancor di più sul problema del consumo di questa [ ... ]

Ambiente e TerritoriLeggi...
07 Gen 2018 15:39
Cassa Depositi e Prestiti e Tesoro taglieggiano i Comuni

di Marco Bersani, Attac Italia. Uno dei vincoli introdotti dal Trattato di Maastricht riguarda il divieto per i Paesi membri di ricorrere all’assistenza finanziaria dell’Unione, [ ... ]

Diritti SocialiLeggi...

Cerca nel sito

Gen
19

Ven 19 Gen 2018 17:00 - 19:00

Gen
19

Ven 19 Gen 2018 18:00 - 20:00

Gen
19

Ven 19 Gen 2018 21:00 - 22:00

Gen
19

Ven 19 Gen 2018 21:15 - 23:00

Gen
20

Sab 20 Gen 2018 08:30 - 11:30

Gen
20

Sab 20 Gen 2018 10:30 - 12:00

Gen
20

Sab 20 Gen 2018 20:00 - 23:00

Gen
20

Sab 20 Gen 2018 21:00 - 23:00

Gen
21

Dom 21 Gen 2018 09:00 - 12:00

Gen
21

Dom 21 Gen 2018 16:00 - 18:00

Gen
21

Dom 21 Gen 2018 16:30 - 17:30

Gen
21

Dom 21 Gen 2018 17:00 - 19:00

Gen
21

Dom 21 Gen 2018 22:00 - 23:30

Gen
22

Lun 22 Gen 2018 17:00 - 18:30

Gen
23

Mar 23 Gen 2018 17:30 - 23:00

Riparliamo di casa. Ad Asti ...



di Carlo Sottile e Michele Clemente  per Coordinamento Asti Est.

Dopo il reportage di Laura Secci su 'La Stampa' del 4/5/17 e l'intervista del giorno successivo all'Assessore Vercelli, in merito alle problematiche sulla questione "casa", proviamo a fare il punto della situazione.
Le prime “occupazioni” di alloggi vuoti ad Asti risalgono al 2002. Cinque famiglie e una associazione le hanno subito rivendicate pubblicamente, come azioni di riappropriazione del diritto all'abitare ...

Il governo dell'epoca aveva deciso la “cartolarizzazione” degli alloggi Inpdap. Quelli “occupati” ad Asti erano cinque, dei centodieci di proprietà dell'ente previdenziale. Azioni come quelle si erano già moltiplicate su tutto il territorio nazionale, animando un inedito “movimento di lotta per la casa”.
I collettivi dei militanti si erano posti l'obiettivo di un uso sociale del patrimonio residenziale pubblico e privato, dismesso o reso tale, a furor di sfratti, da un mercato immobiliare fortemente speculativo. Il maltolto di cui il movimento si riappropriava era parte del bottino accumulato dai fautori del neoliberismo, del mercato senza se e senza ma, degli immobiliaristi, della possidenza in genere. Bottino incassato a colpi di leggi nazionali da non dimenticare: l'abolizione della Gescal, l'abolizione dell'equo canone, la privatizzazione di gran parte del patrimonio abitativo pubblico, la legge 30 e seguenti di precarizzazione del lavoro.

Volendo fissare una data di inizio della cosiddetta “emergenza abitativa”, si può dunque scegliere a ragion veduta proprio quell'anno, il 2002. Ma cosa è successo dopo di allora?
Scorrendo la serie dei dati, anno per anno, relativa al numero degli sfratti esecutivi, al numero degli alloggi popolari disponibili, al numero delle azioni di contrasto dell'emergenza che hanno avuto successo, si può constatare che la cosiddetta “emergenza abitativa” è una condizione sociale permanente, di massacro dei diritti, di diffusione della precarietà e di anestetizzazione di ogni soggetto sociale che si riproponesse di rimuoverne le cause reali.

Tale condizione, di cui nessuno è in grado di prevedere la fine, è stata istituzionalizzata con l'approvazione della legge 80/2014. Infatti quella legge segna la fine dell'edilizia residenziale pubblica, consegna al mercato tutto il bisogno abitativo, criminalizza la povertà, negando la residenza e vietando l'allacciamento delle utenze alle famiglie che occupano.
Di quale “emergenza abitativa” parla dunque l'assessore Vercelli?
Di quella fin troppo manipolabile delle sue statistiche.

Chi vi transita, senza potervi tornare (finora qualche centinaio di famiglie), non è affatto sicuro di aver risolto il suo problema, qualche volta ne rimanda gli esiti peggiori, qualche volta la soluzione gli viene da un algoritmo che gli rimane sconosciuto. D'altra parte, cosa può accadere in una situazione, la presente, quando il bisogno abitativo di più di 800 famiglie (tante sono quelle censite dalle graduatorie del bando Atc e delle emergenze) si confronta con una disponibilità di case popolari pari a zero e con una agenzia casa del Comune che finanzia la rendita immobiliare piuttosto che tutelare il diritto all'abitare dei cittadini?

Allora come mai, in una situazione come questa, la minaccia dello sfratto o gli effetti peggiori dell'esecuzione vengono vissuti in solitudine, in un rapporto di totale subalternità con i poteri pubblici?
Come mai l'emergenza di cui si parla pubblicamente è descritta come il focus di azioni di riduzione del danno, agite da integerrimi funzionari del Comune o da altri virtuosi filantropi, senza che tale narrazione ceda mai la parola alle persone in carne ed ossa, alle loro storie di vita, ai loro tentativi di esercitare qualche diritto di cittadinanza?

Per chi è stato tra gli animatori del “movimento” ad Asti e adesso riflette sull'esito politicamente sterile delle molte azioni condotte (contrasti, manifestazioni pubbliche, occupazioni e processi) la risposta è amara ma semplice.
Le politiche di riduzione del danno, hanno funzionato e stanno funzionando, come dispositivi di assoggettamento della parte di popolazione che subisce il peggio delle politiche neoliberiste. Disciplinano la povertà, nascondono la crescente disuguaglianza, anestetizzano e rendono innocuo qualsiasi conflitto che affacci anche solo l'ipotesi di una alternativa sociale.

Più che del dimezzamento della sua “emergenza”, di questo dovrebbe vantarsi l'assessore alle politiche sociali.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

I vostri commenti

  • Uniamoci contro l'odio in rete

    Claudia 18.01.2018 09:06
    Complimenti per l'idea, ma proprio non potrei pensare di rispondere a queste persone, anzi spesso mi trattengo dal farlo per non alimentare polemiche che mi fanno poi solo stare male. Io credo che il male si possa annullare solo con il bene, quindi preferirei un gruppo che faccia vedere casi positivi ...

    Leggi tutto...

     
  • Uniamoci contro l'odio in rete

    NATASCIA SANNA 18.01.2018 08:40
    grazie di esserci e di avere il fegato di guardare i commenti..io non ce la faccio mi prende lo sconforto...ho notato che questi giornaletti locali sono pessimi..corriere di Bra tempo fa ha pubblicato un articolo terroristico e fazioso nonchè falso,abbiamo fatto presente alla redazione che non ci si ...

    Leggi tutto...

     
  • Uniamoci contro l'odio in rete

    paolo dalmasso 18.01.2018 07:30
    che bello sentire questa bella energia e parole! Io non sono su fb, ma se questo è il fine, lo spiegare ai razzisti che è possibile pensare che siamo tutti uguali e soprattutto che un'ingiustizia (malfunzionamento di una struttura) è uguale per tutti, allora mi iscriverò per farne parte! Buona giornata ...

    Leggi tutto...

     
  • Uniamoci contro l'odio in rete

    Alessandro Mortarino 17.01.2018 20:45
    Sante parole ! Il gruppo FB lo chiamerei: "La Ragione anzichè la pancia" ....

    Leggi tutto...

Salviamo il paesaggio
Stop Consumo di suolo
Forum Acqua
Il gasti
Centro San Secondo
Progetto Radis
Altritasti Periodico on line dell'Associazione di Promozione Sociale Altritasti - via Carducci 22 - 14100 Asti - C.F. 92060280051
Registrazione: Tribunale di Asti n. 7/2011 del 28.10.2011 - Direttore Responsabile: Alessandro Mortarino