25 Lug 2017 21:10
Oasi dell'Immacolata tra petizioni, conferenze stampa e consigli comunali

Sono oltre 3.000 le firme per la petizione Oasi già a mani del Comitato "No nuovo centro commerciale dentro l'Oasi". La raccolta firme è in pieno svolgimento e continuerà sino alla [ ... ]

Città in (lenta) trasformazioneLeggi...
23 Lug 2017 20:25
Regolamento Bio: la montagna ha partorito un topolino

di Vincenzo Vizioli, presidente nazionale AIAB. Alla fine la montagna ha partorito un topolino. La mediazione trovata in extremis sul nuovo regolamento europeo sul biologico che chiude [ ... ]

Consumo CriticoLeggi...
23 Lug 2017 20:22
Copenhagen, una capitale a misura di ciclista

di Davide Mazzocco.
La città ideale per chi pedala è ancora una volta Copenhagen. A confermare la capitale danese in vetta alla classifica delle città amiche della bicicletta e dei [ ... ]

Ambiente e TerritoriLeggi...
23 Lug 2017 20:16
Nasce AstiRooms, casa per studenti, lavoratori e turisti

Asti, via Puccini 11, quartiere Torretta. Una volta c'era una villa che ospitava le suore Immacolatine. La villa c'è ancora, le suore non più. E da tempo l'edificio era stato abbandonato [ ... ]

Città in (lenta) trasformazioneLeggi...
23 Lug 2017 20:00
Lo sgombero delle famiglie di strada Fortino

A cura di alcuni solidali presenti allo sgombero. Mercoledi 19 Luglio 2017 sono state sgomberate le tre famiglie che ancora occupavano lo stabile di strada Fortino, ad Asti. La Questura [ ... ]

Città in (lenta) trasformazioneLeggi...
20 Lug 2017 09:51
Gli schiavi dei kiwi nell’Africa di Cuneo

di Maurizio Pagliassotti*. Saluzzo, secondo giardino ortofrutticolo d’Europa non è Rosarno: ci sono i neri che arrivano da tutto il mondo, i «moru» come vengono chiamati da queste [ ... ]

Cuneo Langhe e RoeroLeggi...
19 Lug 2017 11:50

a cura del Comitato Acqua Bene Comune di Cuneo. Il Comitato Acqua Bene Comune di Cuneo non dorme sonni tranquilli. Il processo per rendere pubblica la gestione dell'Acqua nell'ATO 4 [ ... ]

Cuneo Langhe e RoeroLeggi...
19 Lug 2017 10:20
11 luglio 2017 - Non vogliamo dimenticare Srebrenica

 a cura delle Donne in Nero contro la guerra di Alba. A Srebrenica, Bosnia Erzegovina, l’11 luglio 1995, oltre 10.000 maschi tra i 12 e 76 anni vennero catturati, torturati, uccisi [ ... ]

Cuneo Langhe e RoeroLeggi...
19 Lug 2017 07:06

a cura del collettivo De-Generi. All’indomani della straordinaria riuscita del Pride – forse la più grande manifestazione politica degli ultimi vent’anni ad Alba – il Collettivo [ ... ]

Cuneo Langhe e RoeroLeggi...
04 Lug 2017 15:15
Il punto sull'acqua pubblica al termine delle consultazioni pubbliche


a cura del Comitato Cuneese Acqua Bene Comune.

Con i ballottaggi di domenica 25 giugno si è concluso anche in provincia di Cuneo il turno di elezioni amministrative che ha coinvolto [ ... ]

Cuneo Langhe e RoeroLeggi...

Cerca nel sito

ANTIGNANO: Camminata Notturna

Luglio
Giovedì
27
L’Associazione Insieme, con il patrocinio del Comune di Antignano, organizza “Ascoltiamo la voce del…
20:45 h

ASTI: Con fine

Luglio
Giovedì
27
Tornano anche quest'anno gli incontri estivi nel Cortile del Centro culturale cittadino San Secondo …
20:45 h

SINIO: Biologico da misurare, quali para…

Luglio
Venerdì
28
Lo Studio tecnico Fitoiatrico, in collaborazione con Az. Agr. Rivetto invitarvi al workshop "Biologi…
10:00 h

DEMONTE: La storia della Valle Stura

Luglio
Venerdì
28
Venerdì 28 luglio si terrà la seconda delle due conferenze, a cura di Silvano Taricco, sulla storia …
21:00 h

NEIVE: Ultimo appuntamento con i “Venerd…

Luglio
Venerdì
28
Venerdì 28 luglio si conclude a Neive la rassegna estiva “I Venerdì del borgo”: in piazza Cocito all…
21:00 h

BIONZO DI COSTIGLIOLE D'ASTI: Paesaggi e…

Luglio
Venerdì
28
Continua il festival festival “Paesaggi e oltre”, teatro e musica d’estate nelle terre dell’UNESCO, …
21:30 h

CASTELNUOVO DON BOSCO: Dal Colle al Font…

Luglio
Sabato
29
In collaborazione con la Comunità salesiana del Colle Don Bosco, l'associazione Camminare lentamente…
16:30 h

ALBA: Sotto le stelle di Santa Rosalia

Luglio
Sabato
29
Camminata proposta dall'Associazione Terre Alte.
Sabato 29 luglio.

Il nome Santa Ros…
19:30 h

La parola ai candidati Sindaci di Asti/3





Completiamo la pubblicazione delle risposte dei candidati Sindaci ai nostri due quesiti su inquinamento atmosferico urbano e Piano Regolatore con le ultime due considerazioni di Maurizio Rasero e Biagio Riccio ...

Queste risposte si aggiungono a quelle già pubblicate di Beppe Passarino e Beppe Rovera (http://www.altritasti.it/index.php/altri-t-asti/3071-la-parola-ai-candidati-sindaci-di-asti1) e di Massimo Cerruti, Angela Motta e Angela Quaglia (http://www.altritasti.it/index.php/altri-t-asti/3083-la-parola-ai-candidati-sindaci-di-asti2).

Prima di esprimere una nostra valutazione sulle visioni dei rispettivi contendenti, attendiamo ancora la formalizzazione dell'ottavo candidato che dovrebbe essere Rita Balistreri, a cui invieremo prontamente le nostre due domande.

Ecco ora le risposte di Maurizio Rasero e Biagio Riccio:



DOMANDA n° 1
Inquinamento atmosferico urbano: Asti è fuorilegge da anni per gli sforamenti del valore limite giornaliero per la protezione della salute umana dal Pm-10. Noi riteniamo che risolvere questo grave pericolo debba essere la priorità essenziale della prossima amministrazione.
Per intervenire occorre un progetto strategico che tocchi tutta la città, la mobilità urbana, l'intera dimensione della comunità. E allora domandiamo ai candidati Sindaci se sono d'accordo con questa nostra visione prioritaria e come intendano muoversi nei primi 100 giorni del loro eventuale mandato (nel senso di "cosa faranno in termini concreti").


MAURIZIO RASERO

Noi abbiamo molto a cuore la salute dei nostri concittadini e per questo motivo utilizzeremo ogni strumento e ogni iniziativa utile per abbattere i preoccupanti livelli di inquinamento atmosferico urbano che angustiano la nostra città, incentivando e favorendo, per esempio, l'uso delle auto elettriche attraverso l'installazione di apposite colonnine per il rifornimento gratuito e garantendo alle stesse parcheggi gratuiti.
Inoltre intendiamo costruire nuovi parcheggi al fine di liberare la città dall'assedio del traffico e dello smog e successivamente ampliare la ZTL, per favorire anche il commercio e la vita sociale e ci impegneremo per il recupero, ove possibile, delle tratte ferroviarie dismesse trasformandole in piste ciclabili ed in percorsi turistici ed enogastronomici, anche attraverso la promozione di una convenzione tra il Comune di Asti e le ferrovie per l'utilizzo dei caselli e delle stazioni non più utilizzate.



BIAGIO RICCIO:
Si. Siamo d’accordo e per questo abbiamo interpellato alcuni esperti del settore. Le ultime quattro amministrazioni non hanno fatto nulla in merito se non qualche chiusura del centro urbano molte volte dettata più da esigenze personali che da strategie mirate all’inquinamento o alla valorizzazione. Di fatto, oggi il traffico della nostra città appare oltremodo caotico e molto orientato sulla direttrice est – ovest; la nostra proposta di utilizzare i caselli dell’autostrada per dirottare gratuitamente il traffico pesante di attraversamento (oltre i 35 Qli) ci pare sensata anche alla luce dell’alleggerimento della direttrice su citata, oggi unica via di transito per i grandi mezzi. Ci siamo poi concentrati sulla scorrevolezza del traffico cittadino, oggi mal organizzato ed estremamente lento e, come è noto, la lentezza raddoppia le emissioni nocive; su questo tema abbiamo già una bozza di progetto che se applicato, addirittura prima dei 100 giorni potrà portare benefici misurabili.



DOMANDA N° 2
Il progetto strategico riguarda anche il Piano Regolatore: Asti ne ha uno obsoleto in vigore dal 2000, che ipotizzava una città con oltre 127 mila abitanti a fronte dei poco più di 77 mila odierni. L'importante censimento realizzato dal Comune a seguito delle istanze del nostro Movimento Stop al Consumo di Territorio, ci dice che la popolazione cittadina è aumentata di poco più di 4 mila residenti negli ultimi 12 anni e che le abitazioni attualmente sfitte "palesi" (perchè il dato delle "seconde case" è molto elevato: sono oltre 6 mila) è pari a 1.786 alloggi vuoti; sarebbero in grado di garantire un tetto ad altri circa 4 mila residenti. D'altra parte il dato demografico storico è molto chiaro e lo ricordiamo noi: nel 1971 i residenti in Asti erano 76.151, un migliaio in più di oggi ...
Dunque domandiamo a tutti i candidati Sindaci se intendono, sempre nei primi 100 giorni del loro mandato, provvedere a una "moratoria" che interrompa il PRGC in vigore e avvii il percorso di formazione di un nuovo piano urbanistico generale.


MAURIZIO RASERO
Avvieremo, a questo proposito, una revisione totale delle N.T.A. (ovvero le Norme Tecniche di Attuazione, nota della redazione ...) del Piano Regolatore Generale e del regolamento edilizio per attuare una vera semplificazione e la riqualificazione amministrativa ed il recupero degli edifici; limitando, per quanto possibile, l'ulteriore consumo del suolo.



BIAGIO RICCIO:
Non è possibile proporre “moratorie” ai piani regolatori e la stesura legale di un nuovo piano necessita di tempi ben precisi oltre che di attente riflessioni e un approfondito confronto con tutti gli attori del territorio. Non proporremo piani regolatori regressivi in quanto pensiamo che l’amministrazione debba avere un orientamento positivo sullo sviluppo. Piuttosto ci concentreremo sulle cause che hanno impedito il raggiungimento di quanto previsto dal PRG. Infatti, pensiamo a forme di accompagnamento alla formazione di nuove e giovani famiglie, perché troppi sono i ragazzi e le ragazze che non sono nelle condizioni economiche di formarsi una famiglia propria e sono costretti a vivere con i genitori; questa condizione ha generato una crescita fortemente negativa delle nascite che tenendo conto della percentuale degli extracomunitari (circa il 15%) rende bene l’idea del disastro incombente sul territorio.
Siamo altresì convinti, ove la legge lo permetta, che il mercato immobiliare oggi saturo, non necessita di nuove abitazioni come le esigenze commerciali, da noi ritenute sovrabbondanti e calate sulla schiena del piccolo commercio senza nessuna logica (apparente) causando danni incalcolabili sui negozi di vicinato ed occupazionali che sono sotto gli occhi di tutti. Pensiamo anche che ci siano alcuni edifici da abbattere come abbiamo a cuore la sorte degli ormai storici contenitori vuoti per i quali abbiamo già ottimi progetti valutati e preventivati, ragionati per non sovrapporsi alle già agonizzanti attività insite nel
centro astigiano e contemporaneamente offrire spazi per lo sviluppo di nuove aziende.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

I vostri commenti

  • A scuola per trasformare il tuo in mio...

    Paola 20.07.2017 05:25
    Che bello! Sono sempre più convinta che, come dici tu, il tempo dedicato a creare situazioni di collaborazione e condivisione, sia tempo guadagnato e non perso!! Anche, e soprattutto, queste sono competenze: in alcuni casi se non è la scuola a lavorarci sopra, che cosa resta? Grazie!

    Leggi tutto...

     
  • Lo sbilancio delle Province e delle Città Metropolitane

    giovanni pensabene 19.07.2017 12:27
    Erano così convinti che il popolo avrebbe osannato la loro schiforma costituzionale che il comma 51 dell'art 1 della legge Delrio (del 2014, due anni prima del referendum costituzionale) recita, ancora oggi, testualmente: "51. In attesa della riforma del titolo V della parte seconda della Costituzione ...

    Leggi tutto...

     
  • Chiusa la vicenda Teleriscaldamento, si apre quella per l'Oasi dell'Immacolata

    M.G. 14.07.2017 07:04
    Ma il Piano Territoriale della Regione Piemonte non dice che PRIMA occorre riutilizzare le strutture edilizie inutilizzate ??? M.G.

    Leggi tutto...

     
  • A scuola per trasformare il tuo in mio...

    M.G. 14.07.2017 06:59
    Bravissimi ! E' dall'infanzia che si deve imparare a condividere con gli altri e non a competere ... M.G.

    Leggi tutto...

     
  • Se i mezzi pubblici fossero gratis

    Pieranna Borio 25.05.2017 14:12
    Io aggiungerei un terzo motivo di insuccesso dei primi esperimenti, un errore di metodo: la gratuità offerta in modo "studiato" su particolari esigenze (es. solo in fasce orarie meno frequentate o in zone periferiche dove ci sono meno servizi sotto casa), stimola le persone a fare delle scelte ...

    Leggi tutto...

     
  • Confrontiamo i candidati a Sindaco sui temi ambientali

    Pierpaolo De Fina 18.05.2017 07:58
    Se tutte le risposte sono in linea con quelle date per il teleriscaldamento possiamo vedere in modo lampante che come al solito prevalgono le balle elettorali sulle reali intenzioni della maggior parte dei candidati. Peccato che per ogni candidato non ci sia una premessa atta a far capire cosa questo ...

    Leggi tutto...

 

Newsletter

Eventi ad Asti e Provincia

Eventi Cuneo, Langhe, Roero

Salviamo il paesaggio
Stop Consumo di suolo
Forum Acqua
Il gasti
Centro San Secondo
Progetto Radis
Altritasti Periodico on line dell'Associazione di Promozione Sociale Altritasti - via Carducci 22 - 14100 Asti - C.F. 92060280051
Registrazione: Tribunale di Asti n. 7/2011 del 28.10.2011 - Direttore Responsabile: Alessandro Mortarino