A cura della campagna "Giudizio Universale".

Il 21 gennaio 2020, il Ministero dello Sviluppo Economico ha pubblicato il testo definitivo del Piano Nazionale Integrato per l’Energia e Clima (PNIEC). Il Piano, pubblicato con 21 giorni di ritardo rispetto alla scadenza fissata dall’Unione Europea al 31 dicembre 2019, conferma la tendenza dei nostri governi a non mettere in atto politiche adeguate a contrastare la crisi climatica e proteggere i cittadini.
Il testo definitivo del PNIEC non presenta differenze sostanziali rispetto alla prima versione, - afferma Cecilia Erba, ricercatrice per Giudizio Universale - che aveva ricevuto numerose osservazioni da parte della società civile volte a migliorarlo”...

di Paolo Cacciari.

A Madrid è andata in scena la replica di una sceneggiata che si ripete dalla prima rappresentazione avvenuta a Berlino nel 1995. Da allora il copione delle venticinque “Conferenze tra le parti” dell’Onu sul clima prevede che sul palcoscenico vi siano: una Madre Terra febbricitante, dei bravi medici-scienziati al suo capezzale e dei pater familiaecapi di governo restii a sborsare i denari necessari per comprare le medicine. Ma si tratta di una storia ingannevole. Le patologie della Terra (che comportano la rottura dei cicli vitali della biosfera, ben individuati da Johan Rockström, Beyond the boundary, in: A safe operaating space for humanityostrok, Nature, September 2009) sono causate da un suo eccessivo sfruttamento da parte della specie umana, non da fattori endogeni. L’unica vera cura di cui avrebbe bisogno la Terra sarebbe essere lasciata in pace...

di Alessandro Mortarino.

Sono passati pochi minuti dalla storica sentenza del Tribunale di Torino e già sono partiti i colpi di cannone della controffensiva. La Corte d’Appello di Torino ha confermato integralmente la precedente sentenza del Tribunale di Ivrea (del 2017) in favore di un lavoratore della Telecom colpito da neurinoma dell’acustico (un tumore benigno, ma invalidante): c'è un ruolo causale tra l’esposizione dell’appellato alle radiofrequenze da telefono cellulare e la malattia insorta. E vi sono evidenti conflitti di interessi da una parte del mondo scientifico che tali rischi hanno sempre negato.
Ma immediatamente i media hanno reso pubbliche le dichiarazioni di alcuni enti di ricerca e controllo che nell'ultimo Rapporto Istisan “Esposizione a radiofrequenze e tumori” curato da Istituto superiore di sanità, Arpa Piemonte, Enea e Cnr-Irea, hanno negato - per mancanza di dati certi - la pericolosa associazione tra uso prolungato dei cellulari e tumori...

L’impatto antropico sta comportando modifiche importanti all’ambiente e a livello globale. Questi cambiamenti, come ad esempio le ondate di calore e le alluvioni, possono a loro volta avere effetti sulla salute umana, introducendo anche nuove patologie...

di Cristina Da Rold.

Un articolo pubblicato sul British Medical Journal aggiunge alcuni tasselli al puzzle delle conseguenze epidemiologiche dell’esposizione prolungata, e anche a breve termine, alle polveri sottili, in particolare a PM2.5. Non solo si sono scoperte associazioni riguardanti malattie mai studiate in relazione all’esposizione al particolato, ma si è scoperto che anche a livelli di inquinamento da PM2.5 inferiori alle soglie fissate dalle linee guida internazionali sulla qualità dell’aria, l’esposizione è associata a diverse cause recentemente identificate di ricoveri ospedalieri. In particolare, le cause più frequenti dei ricoveri ospedalieri sono state lesioni e avvelenamento, insufficienza cardiaca congestizia, polmonite, aritmie cardiache e setticemia...

Altritasti Periodico on line dell'Associazione di Promozione Sociale Altritasti - via Carducci 22 - 14100 Asti - C.F. 92060280051
Registrazione: Tribunale di Asti n. 7/2011 del 28.10.2011 - Direttore Responsabile: Alessandro Mortarino