A Roma si manifesta contro la DAD: Dimenticati A Distanza

di Cinzia Cortese.

Sabato 10 Aprile anche Alba era presente alla manifestazione nazionale a Roma organizzata da Scuole in presenza. Referenti del gruppo Tavola Rotonda Alba,Enrica Cravanzola ed io abbiamo avuto la fortuna di vivere un pomeriggio veramente indimenticabile...

Da diverse città italiane ci siamo uniti per dire basta per sempre alla DAD…metodo assolutamente dannoso per un sano sviluppo scolastico e una sana crescita psico-fisica nell'intera età di sviluppo.

Siamo state spettatrici di interventi emozionanti e coinvolgenti, in primis Daniele Novara, pedagogista di fama nazionale, ha esortato la non scuola dinnanzi ad un monitor, senza incontro, senza apprendimento, senza nulla portando i fanciulli stessi ad ammalarsi mentalmente…

A seguire c’è stato l’intervento della dottoressa Gandini, epidemiologa che ha condotto uno studio approfondito sull’inesistenza di contagi negli ambienti scolastici e lei stessa ha riportato i suoi dati direttamente a Roma..

Inaspettatamente sul palco è salita Fiammetta Borsellino…testimonianza piena di pathos, citando più volte il padre, ucciso dalla mafia e per uno come lui, che credeva nella scuola, la mafia lo sta nuovamente uccidendo oggi, allontanando i giovani tra loro in contesti scolastici e appiattendo il loro pensiero libero e critico. La cultura e la scuola devono coinvolgere le nuove generazioni e la scuola è l’unico luogo di scambio e relazioni dove i ragazzi possono crescere insieme.Si sono susseguite testimonianze di studenti, genitori, professori…

Scendere in piazza è un nostro diritto e si scende perché qualcosa non sta funzionando e lo stato, le regioni, i comuni non possono continuare ad essere sordi e ciechi. Le voci che partono da una piazza sono quelle dei cittadini che rappresentate, sono voci di persone semplici e umili che parlano di vita vera, sono voci da ascoltare, sono voci che credono ancora che il futuro della nostra nazione è nei nostri figli.

Vederli così vuoti, spenti, quasi ormai rassegnati felicemente a questo distanziamento che sembra quasi essere divenuto la loro normalità che adulti li renderà? Sapranno ancora confrontarsi, costruire insieme una comunità, un paese da persone istruite ed educate collettivamente verso il bene comune?

Nella speranza che la DAD diventerà solo un brutto ricordo voglio terminare con una frase di Paolo Borsellino riportata a Roma dalla figlia Fiammetta: Chi ha paura muore ogni giorno chi non ha paura muore una volta sola.

Altritasti Periodico on line dell'Associazione di Promozione Sociale Altritasti - via Carducci 22 - 14100 Asti - C.F. 92060280051
Registrazione: Tribunale di Asti n. 7/2011 del 28.10.2011 - Direttore Responsabile: Alessandro Mortarino