I più ricchi del mondo hanno aumentato la loro ricchezza del 30% nell’ultimo anno

di Ignacio Fariza, El País*

Le 20 maggiori fortune beneficiano del buon andamento delle Borse e del mercato immobiliare. Quando parli di  disuguaglianza  corri il rischio di guardare in basso e non in alto. Tuttavia, la corda è tesa, specialmente sul fianco più alto della distribuzione. La crema della ricchezza mondiale, lo 0,1% della popolazione, ha vissuto uno dei suoi anni migliori nel 2021: con i mercati azionari alle stelle e i mercati immobiliari ai massimi, le 20 più grandi fortune – si fa per dire – del mondo hanno visto crescere insieme il loro patrimonio di 500.000 milioni di dollari (440.000 milioni di euro), quasi il 30% in più. Sono tanti, tanti soldi: per contestualizzare la cifra, basti dire che basterebbe comprare le 10 più grandi aziende di Ibex 35 per intero e rimarrebbero ancora 5.000 milioni per comprare, per esempio, più della metà del gruppo di compagnie aeree spagnolo-britannico IAG.

Lo scettro della persona più ricca del pianeta è passato di mano nel 2021. Il fondatore di Tesla  Elon Musk ha superato il fondatore di Amazon e proprietario del 10% Jeff Bezos, grazie all’impennata del mercato del produttore di auto elettriche. Le azioni Tesla sono salite del 50% quest’anno e accumulato due anni consecutivi di voluminosi guadagni, e questo ha un impatto diretto sulla ricchezza dell’uomo d’affari di origine sudafricana, che, nonostante le recenti vendite di pacchetti azionari, mantiene ancora il 17% del capitale della società con sede ad Austin (Texas).

Al di là della disputa per il trono della ricchezza mondiale, ci sono stati movimenti importanti in tavola. Spicca soprattutto il miglioramento dei due fondatori di Google,  Larry Page e Sergey Brin , che controllano congiuntamente il 51% delle azioni della società tecnologica di Mountain View (California) e che scalano due posizioni: Page entra nel quintetto di uomini più ricchi sul pianeta e Brin si piazza al settimo posto.

Dal lato opposto,  Warren Buffett , fondatore e capo pensatore della società di investimenti di successo Berkshire Hathaway, perde due posizioni nonostante abbia visto aumentare il suo patrimonio di quasi 22.000 milioni di dollari. Questo è uno dei grandi paradossi di questa lista: in un panorama generale di notevoli aumenti di ricchezza, alcune di queste fortune non devono vedere la tua ricchezza diminuire, o addirittura ristagnare, per perdere una posizione nella lista.

Se l’industria e la distribuzione erano i settori da cui tradizionalmente proveniva la maggior parte del denaro nei 20 maggiori asset mondiali, la tecnologia è oggi il settore su cui si costruiscono le fortune di otto delle 20 persone più ricche del pianeta. Tutti loro sono tra i primi dieci posti in classifica. Il settore della distribuzione aggiunge altri tre nomi (i Walton, proprietari di Walmart); i tessili ne hanno due (Amancio Ortega, di Inditex e  Phil Knight, di Nike), e il lusso (Bernard Arnault, di LVMH), gli investimenti (Warren Buffett, di Berkshire Hathaway), i cosmetici (Françoise Bettencourt, di L’Oréal), l’energia e materie prime (Mukesh Ambani, di Reliance Industries), acqua in bottiglia (Zhong Shanshan, di Nongfu Spring), infrastrutture portuali (Gautam Adani, di Adani Group) e telecomunicazioni (Carlos Slim , di América Móvil), uno ciascuno.

 

Il ritratto del robot: uomini e americani

La ricca lista è ancora una cosa da uomini. Per trovare un nome femminile bisogna risalire all’undicesimo gradino, in cui compare la francese Bettencourt, erede dell’impero L’Oréal  e figlia di Liliane Bettencourt, che per decenni è stata anche la donna più ricca del mondo. E per trovare la seconda donna in classifica bisogna risalire all’ultima posizione, la ventesima, in cui compare Alice Walton, una delle tre eredi di un altro impero: quello della catena di supermercati americana Walmart, insieme ai suoi due i fratelli Jim e Rob, che si classificano diciassettesimo e diciottesimo.

Il predominio americano è altrettanto schiacciante: 14 su 20 hanno il passaporto azzurro della prima potenza mondiale. Altri due sono francesi (Arnault e Bettencourt); due, indiani (Ambani e Adani); uno, spagnolo (Ortega); e un altro, cinese (Shanshan). Nonostante il rivolo di nomi asiatici in lista sia stata la nota predominante negli ultimi anni, la recente esplosione economica di questo continente non trova ancora un riflesso equivalente né nelle classifiche delle aziende più grandi né nelle più ricche del mondo. Tempo al tempo.

 

Amancio Ortega, il terzo europeo più ricco

Lo spagnolo Amancio Ortega, fondatore e primo azionista di Inditex, diventato il più ricco del mondo nel 2015, riesce ad entrare per un altro anno nella lista delle 20 più grandi fortune del pianeta. Lo fa, ovviamente, in una posizione più arretrata: è sedicesimo, due passi indietro rispetto a un anno fa. Con un patrimonio netto che Bloomberg stima in 67,2 miliardi di dollari (59,1 miliardi di euro), l’1% in più, l’imprenditore galiziano è il terzo più ricco d’Europa, dopo i francesi Bernard Arnault e Françoise Bettencourt. Oltre al 60% del gruppo tessile di Zara, Ortega ha importanti pacchetti azionari in aziende spagnole come EnagásREE , nonché un impero immobiliare diffuso in Europa, America e Asia.

 

* Redattore della sezione Economia di EL PAÍS. Ha lavorato nelle delegazioni del giornale a Bruxelles ea Città del Messico. Ha studiato Economia e Giornalismo presso l’Università Carlos III e il Master in Giornalismo presso EL PAÍS e l’Università Autonoma di Madrid.

Tratto da: https://www.numeripari.org/2022/01/04/i-piu-ricchi-del-mondo-hanno-aumentato-la-loro-ricchezza-del-30-nellultimo-anno/

Altritasti Periodico on line dell'Associazione di Promozione Sociale Altritasti - via Carducci 22 - 14100 Asti - C.F. 92060280051
Registrazione: Tribunale di Asti n. 7/2011 del 28.10.2011 - Direttore Responsabile: Alessandro Mortarino