Suore e rivoluzione sociale

Gemma Macagno, per Se Non Ora Quando.

Con riferimento all'inserto culturale dell’Osservatore Romano, “Donne, Chiesa, Mondo” a cura di Lucetta Scaraffia, desideriamo proporre le seguenti considerazioni ...

ERA ORA! Finalmente anche la Chiesa è chiamata al rispetto delle donne.

Le suore, sono oltre 640.000 in Italia, rivendicano i loro diritti : in primis al rispetto come persone e come lavoratrici. Non al servizio del clero, ma meritevoli del riconoscimento dovuto alle competenze, al ruolo, alle capacità   ed all’impegno.

Rivendicano stipendi, salari, tutele sociali, autonomia economica: fine dello sfruttamento!

Sarà una vittoria per tutta la società, considerando che la chiesa, non potendo più disporre di mano d’opera gratis, avrà una minore concorrenzialità con il mondo laico delle imprese, della scuola, della sanità e dell’assistenza. Il pagamento da parte della Chiesa dei contributi apporterà ossigeno alle casse INPS ed INAIL, con vantaggi per lo Stato ed il mondo del lavoro.

Ancora una volta cambiamenti significativi importanti partono dalle donne, che sono in grado di cambiare il mondo, perché è sempre chi è oppresso che ha la motivazione alla “rivoluzione” che è in primo luogo etica / culturale, poi economico-sociale. 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Altritasti Periodico on line dell'Associazione di Promozione Sociale Altritasti - via Carducci 22 - 14100 Asti - C.F. 92060280051
Registrazione: Tribunale di Asti n. 7/2011 del 28.10.2011 - Direttore Responsabile: Alessandro Mortarino