Una festa. Ma anche un funerale...

di Alessandro Mortarino.

Peccato. Peccato davvero. Giovedì 29 marzo oltre 60 alberi hanno trovato dimora nelle aree dell'Ospedale Cardinal Massaia di Asti, primo intervento del collettivo progetto del Giardino della Salute. Eravamo tutti presenti per celebrare una festa, ma quando le Autorità presenti hanno iniziato il rito cerimoniale (colpi di vanga, taglio del nastro, foto celebrative), a pochi metri un grande "mostro" meccanico procedeva imperterrito nel suo rumoroso lavoro di triturazione di una montagna di rami e tronchi restanti dal taglio "violento" di decine di alberi abbattuti per volontà amministrativa. Surreale ? Agghiacciante ? Per il Sindaco Rasero «solo un po' di pulizia per consentire di vedere al meglio il nuovo giardino» ...

(Potete vedere questo breve filmato nella pagina facebook di Kitty Fasolis: https://www.facebook.com/cristina.fasolis).

Non amo queste cerimonie, lo confesso. Ma questa volta la mia insofferenza istintiva ha superato ogni limite e le parole del Sindaco (pronunciate senza un sorriso nè un increspamento epidermico, dunque difficilmente considerabili come un motto di spirito) hanno trasformato la farsa - scusate, volevo dire la festa ! - in una lugubre scansione funebre.

Peggio ancora: se le parole del Sindaco non rappresentavano un tributo all'ironia, il messaggio che ci restituisce questa giornata è che la colpa del taglio è proprio dei tanti cittadini responsabili di avere salvato l'area sanitaria dall'avvento della centrale per il teleriscaldamento, avere speso tempo ed energie (umane) per creare un progetto alternativo, avere speso denaro per l'acquisto di giovani piante e tutori e avere così provocato il contemporaneo abbattimento di tutto ciò che di verde, in zona, era presente da anni e decenni.

Danno e beffa.

«Non in mio nome», signor Sindaco.
Gli abbattimenti li avete ordinati voi ma «Non in mio nome».

Nessuno penserebbe di assassinare lo spettatore troppo alto seduto dinanzi a noi al cinema.

Nessuno può credere che il calcolo della nostra esistenza stia nell'abbattere ics alberi per piantarne altri ics altrove: il bilancio naturale non equivale a zero, ma ad una sconfitta dell'intelligenza.

Leggo commenti indignati e questa reazione mi pare ben più che un'ammonizione: è un'espulsione.

Rifletta sulle sue parole, ragioni sulle scelte del suo Assessore. Ricordi che quando avrà un problema di salute, sarà un medico e non un Ingegnere a salvarle la vita, così come un agronomo dovrebbe essere l'esperto da consultare prima di decidere di sopprimere una vita verde.

Rifletta sul danno provocato con la perdita di un patrimonio di proprietà di tutti i cittadini.

Ci spieghi perchè in Comune non esiste più un settore dedicato alle "aree verdi".

Rifletta.

E chieda scusa per la sua infelice battuta,. Ai suoi concittadini.

Anche, e soprattutto, a quelli che al taglio del nastro non hanno battuto le mani, perchè le feste sono feste per tutti. Altrimenti sono tristi funerali che non consentono ipocrisie ...

Commenti  

0 #1 Giancarlo 2018-04-11 08:34
Condivido i ragionamenti di Alessandro. Sono ormai decenni che come circolo di Legambiente siamo impegnati a sostenere la necessità di incrementare il verde urbano non solo per migliorare il decoro, ma soprattutto per migliorare l'ambiente. Come noto varie essenze hanno la capacità di assorbire alcuni inquinanti purtroppo diffusi in città in misura "assassina" da ottobre a aprile. Questa amministrazione si è dimostrata particolarmente disinteressata, abbiamo già superato i limiti di legge per il 2018 sia per il PM 10 che per il PM 2,5. La barriera acustica creata dagli alberi impediva al rumore del traffico di raggiungere i 40 decibel di giorno e i 35 di notte agli ambienti dei degenti. Limiti invalicabili per legge in zone di classe 1. L'amministrazione come farà rispettare le leggi intorno all'ospedale, con la limitazione del traffico o con barriere artificiali? Ricordo che stiamo ancora raccogliendo le donazioni per pagare gli alberi: invitiamo a versare sui C/C indicati.
Citazione
Altritasti Periodico on line dell'Associazione di Promozione Sociale Altritasti - via Carducci 22 - 14100 Asti - C.F. 92060280051
Registrazione: Tribunale di Asti n. 7/2011 del 28.10.2011 - Direttore Responsabile: Alessandro Mortarino