Non spegnete i sogni, non chiudete il Museo dell'Immaginario di Asti

di Giampiero Monaca.

Una città che dedica uno spazio pubblico ad una raccolta etereogenea raffinata e visionaria dedicata ai sogni, alla fantasia, all'intima valorizzazione e condivisione di poesia sogno e immaginazione dimostra di essere poetica, lungimirante, audace ...

Fino ad oggi, ad Asti, in alcuni locali di proprietá comunale in Palazzo Ottolenghi, ha trovato sede il Museo dell'Immaginario, curato dall'artista e attore di fama internazionale Antonio Catalano.
Legni, foglie, collezioni di fiocchi di neve, forme di pane sospese (cibo per l'anima), armadi sensibili e la “cappella dei meravigliati”: una meravigliosa sala riccamente decorata, tempio laico per sostare, meravigliarsi, ritrovare il fanciullino che coraggiosamente sopravvive in noi e che osa emergere, a tratti, regalandoci emozioni e riportandoci alla connessione con i nostri sentimenti.

Tutto finito?

Cosí sembrerebbe.
Oggi è arrivata, come un fulmine a ciel sereno, la notizia che annuncia un imminente sfratto del museo, delle sue opere e decorazioni murali uniche.

La convenzione di concessione d'uso dei locali non è stata piú confermata da parte del Comune di Asti.

D'un tratto questi locali vengono richiesti per essere destinati ad altra destinazione d'uso (sembrerebbe che, al posto del museo, debba trovare sede un locale per ristorazione o degustazione di prodotti locali).

Certamente vino, tartufi, agnolotti e bagna caôda sono prodotti d'eccellenza che meritano rispetto e promozione.
Non mi sembra però che ad Asti manchino ristoranti, vinerie, brasserie e locali di degustazione.

Il Museo dell'immaginario è invece unico nel suo genere, un luogo di sosta per turisti e abitanti affamato di arte fruibile, di valorizzazione dell'immaginario, di stimoli alla fantasia e alla creatività.
Uno luogo di “arricchimento e sostentamento per l'anima” sempre a disposizione di scolaresche, di comitive.

Auspichiamo che la lungimiranza dell'amministrazione comunale possa riconsiderare la richiesta di “liberare e restituire i locali” lasciando che il Museo dell'immaginario rimanga attivo e a disposizione di chi ha fame di emozioni piü che di peperoni.

Penso che presto uscirá una petizione, nel frattempo scriviamo post, tagghiamo gente, facciamo girare i post altrui, riempiamo gruppi astigiani o bacheche di assessori e politici ...

Facciamo massa critica.

C'è poco tempo!

Commenti  

0 #1 adriana 2018-06-27 08:13
Quanti locali e spazi vuoti e in degrado in Asti.....!
Citazione
Altritasti Periodico on line dell'Associazione di Promozione Sociale Altritasti - via Carducci 22 - 14100 Asti - C.F. 92060280051
Registrazione: Tribunale di Asti n. 7/2011 del 28.10.2011 - Direttore Responsabile: Alessandro Mortarino