Investire in solidarietà

A cura del Coordinamento Asti-Est.

In questi tempi di morali incerte e di moralismi a gogò, investire pubblicamente in solidarietà sembra essere la scelta meno manipolabile; una assunzione di responsabilità associata ad un aiuto concreto, utile per le persone a cui è destinato. Ma questa scelta è anche espressione di una relazione autentica, tra persone in carne ed ossa, insomma, è una condivisione...

Queste sono state le iniziative che hanno accompagnato i sodali del Coordinamento Asti-Est, subito dopo la conclusione del processo per la “occupazione” di via Orfanotrofio. Condanne pesanti: 18 mila euro di risarcimento danni e reclusioni fino a complessivi 40 anni. Come già detto, le condanne penali, con l’appello, andranno presumibilmente in prescrizione, la richiesta di risarcimento resta invece una minaccia nelle mani dell’Azienda Sanitaria.
Ma non vogliamo in questa sede riproporre i nostri giudizi sulla vicenda e riaprire la discussione.
Ribadiamo ciò che abbiamo già detto: è stato un processo alla povertà e le azioni fin lì condotte dall’Associazione non hanno perso, con la condanna, la loro vocazione costituente, di rispetto degli art.3 e 41 della Costituzione, vale a dire, dei diritti fondamentali della persona e della funzione sociale della proprietà. Facciamo rilevare che adesso, a pochi mesi da quella sentenza, le stesse azioni vengono interpretate, in alcuni tribunali, come “reati associativi” (sovversione dell’ordinamento della Repubblica, banda armata) e chi le agisce viene costretto agli arresti domiciliari (Milano, Roma, Salerno).

Della condivisione invece vogliamo ancora parlare, quel valore che sostiene ogni buona azione civica e ne determina gli esiti. In questo momento, per ragioni più che evidenti – le disuguaglianze sempre più ribollenti di bisogni e diritti negati e di poteri e privilegi usurpati – la condivisione delle attività di associazioni come la nostra (nodo nella Rete dei Numeri Pari), non riconducibili alla mera filantropia, è una scelta impegnativa, che ha bisogno di passione politica, nel senso nobile del termine, di ciò che è bene per la polis, la comunità dei cittadini.
Oggi, quando poteri variamente mercantili e poteri sovraordinati ad ogni forma di sovranità popolare, puntano, a dispetto della Costituzione, a predeterminare ogni scelta della vita collettiva e personale, c’è più che mai bisogno di quella passione, ce n’è più bisogno di prima. Allora, mentre rinnoviamo i ringraziamenti a tutti coloro che hanno versato somme nel nostro “fondo di solidarietà”, nonché l’impegno a garantirne il buon uso, chiediamo a tutte le persone che in vario modo ci hanno manifestato la loro simpatia, di considerare l’Associazione come una delle sedi della loro passione politica.

Dunque scriveteci (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.; https://coordinamentoasti-est.blogspot.com/ ), venite a trovarci, la nostra sede di via Monti, per le visite e le riunioni, è aperta tutti i martedì mattina dalle 10,30 in poi.

I componenti del direttivo:
Michele Clemente, Carlo Sottile, Domenico Massano, Sergio Signorelli, Brunella Testoni, Matra Negro, Santina Stennardo, Ivana Dellapiana, Samuele Gullino, Kouci Echafargui.

Commenti  

0 #1 gianfranco monaca 2019-02-06 08:39
grazie per quello che fate come associazione
Citazione
Altritasti Periodico on line dell'Associazione di Promozione Sociale Altritasti - via Carducci 22 - 14100 Asti - C.F. 92060280051
Registrazione: Tribunale di Asti n. 7/2011 del 28.10.2011 - Direttore Responsabile: Alessandro Mortarino