"Ci uccidete senza sporcarvi le mani": j'accuse di una pastora cuneese.


di Anna Arneodo.

Sta nevicando: neve di febbraio, pesante, neve che già sente la fine dell’inverno. Pochi chilometri più a valle è già pioggia; qui è passato stanotte tardi lo spazzaneve, ma ora si sale solo con le catene. Le stalle sono piene di agnelli: belli, grassi, sono già agnelloni oltre i 30 kg, ma quest’anno nessuno riesce a vendere. La crisi? L’importazione? Intanto nelle stalle pecore e agnelli mangiano …

Fuori del giro dei pastori nessuno si accorge di niente. L’altro ieri ho parlato con un pastore: un gregge di una cinquantina di bestie adulte, la passione che lo teneva vivo per continuare:
« Come vanno le bestie? »
« Ne ho caricate 82, le ho tolte tutte, basta! Non vendi più un agnello, d’estate l’alpeggio, d’inverno il fieno, il lupo, la burocrazia che ti mangiano. Ho chiuso tutto! »
Un’altra sconfitta! Pian piano questa società ci sconfiggerà tutti, chiuderà la montagna, ne farà un grande parco da sorvolare con gli elicotteri, per posarsi sulle punte- eliturismo!- e guardare dall’alto il presepio delle borgate abbandonate. Questo sarà fra poco la nostra montagna!

E intanto: il lupo! Povero lupo, il simbolo ecologico, il simbolo della coscienza sporca di tanta gente, salviamo il lupo! “ La Stampa” di mercoledì 1 febbraio ne ha una pagina piena: non una parola sui pastori, su chi vive e mantiene viva la montagna. Chi scrive, chi protesta, chi difende il lupo e le teorie ecologiste sta in città, ha lo stipendio assicurato, tanto tempo libero per farsi sentire, magari è anche vegano per sentirsi la coscienza pulita.

Noi pastori, allevatori, gente di montagna siamo quassù a presidiare il territorio, a mettere in pratica quotidianamente l’ecologia( ecologia- da “oikos”= casa), noi difendiamo ogni giorno la nostra casa, il nostro paese, il nostro ambiente.

Ma di noi nessuno si ricorda, diamo perfino fastidio, siamo pietra di inciampo. Noi, gente della montagna, che da secoli su questa terre scomode abbiamo saputo creare una cultura, una sapienza di vita per sopravvivere in un ambiente ostile, noi con la nostra storia, la nostra lingua, noi non contiamo niente: l’economia e la politica hanno deciso così.
Vivi ormai quassù ogni giorno con una malinconia, una inquietudine dentro che ti spegne ogni entusiasmo, ogni voglia di combattere.
Ci state massacrando. È un nuovo genocidio della montagna, fatto senza sporcarsi le mani. Ultima bandiera il lupo.

Leggi l'originale su: http://www.ruralpini.it/Una_pastora_ai_signori_del_lupo.html

Commenti  

0 #1 roberta cerruti 2017-03-10 09:49
è proprio necessario pubblicare qualunque cosa su altritasti?
lo leggo da quando è nato, ma sinceramente mi sta un po' deludendo...
diamo credibilità e visibilità all'articolo di una persona che lamenta che non vengono più venduti i suoi agnelli cosicché non può farli sgozzare per bene a pasqua. non contenta se la prende perché c'è gente che vuole difendere il lupo... e chi è vegano fondamentalmente è poco degno di vivere...
Citazione
0 #2 roberta cerruti 2017-03-10 09:50
vogliamo evitare di inserire anche la spazzatura? se non ci sono articoli da pubblicare basta metterne meno ma di qualità.
a proposito. non sono ancora vegana ma stimo moltissimo chi ha fatto questa scelta.
e alla "signora" se vuole proteggere la montagna qualcuno dovrebbe dire che non è allevando animali da ammazzare e sterminando la fauna locale che farà il suo dovere. se proprio vuole invece che lamenarsi si inventi una nuova attività ecosostenibile..ad esempio il trekking su percorsi studiati per i turisti.
ci sono ricercatori veramente validi che perdono in italia il loro lavoro e devono fuggire all'estero. per loro posso dispiacermi. non certo per persone del genere.
Roberta
Citazione

 

Newsletter

Eventi ad Asti e Provincia

Eventi Cuneo, Langhe, Roero

Altritasti Periodico on line dell'Associazione di Promozione Sociale Altritasti - via Carducci 22 - 14100 Asti - C.F. 92060280051
Registrazione: Tribunale di Asti n. 7/2011 del 28.10.2011 - Direttore Responsabile: Alessandro Mortarino