Italia Nostra si oppone ai progetti di pittura contemporanea nell’ex oratorio di Magliano Alfieri

a cura della sezione albese di Italia Nostra.

Abbiamo appreso da “La Stampa” n. 149 del 2/6/2019 che negli scorsi giorni sono stati presentati all’Amministrazione comunale di Magliano Alfieri tre progetti della pittrice cinese Zhang Hong Mei, predisposti per opere di pittura contemporanea nell’interno dell’ex oratorio della SS. Trinità nel centro storico del paese. Innanzitutto riprendiamo la comunicazione in data 30/7/2018  -prot. n. 30/2018, notificata alle SS. LL. da questa Sezione albese di “Italia Nostra” su tale questione. Ora, alla luce di quanto si apprende, dobbiamo ribadire le nostre fondate perplessità e le relative istanze procedurali già espresse in quella preoccupata segnalazione ...

  • In primis va rimarcato che questa antica sede di culto della Confraternita dei disciplinanti, odiernamente di proprietà comunale, è vincolata ex Legge statale n. 1089 del 1939 (“Sulla tutela delle cose d’interesse artistico e storico”), artt. nn. 1, 4, 11, nonché sottoposta alle successive disposizioni del vigente Codice per i beni culturali. Pertanto ogni intervento permanente (esterno od interno) deve essere preventivamente approvato dalla competente Soprintendenza statale e dal Comune di Magliano Alfieri (quale ente proprietario).
  • L’interno dello storico edificio (ricostruito nel sito attuale verso il 1751-1756, su progetto dell’architetto Francesco Cantamessa) è da tempo privo di arredi liturgici, della sacra mensa e della pala d’altare. Tuttavia sulle pareti riaffiorano ampi frammenti di pristini affreschi e di parziali pitture murali. Da quanto si può notare, sono riferibili sia ad una originaria stesura settecentesca, sia a successive riprese pittoriche forse del XIX secolo. Di esse non si conoscono gli artefici, ma una valutazione più circostanziata andrebbe espressa dopo aver riscoperto al meglio le residue pitture al di sotto degli intonaci. Intanto, non si tralasci la circostanza che è in corso una mirata ricerca storica sul sacro edificio.
  • Riteniamo che proprio a queste operazioni di studio, di indagine preventiva, di risanamento delle murature e di successivo restauro delle riscoperte opere pittoriche (da svolgere con la direzione della competente Soprintendenza), dovrebbe primamente rivolgersi l’attenzione, l’impegno finanziario dell’Amministrazione comunale di Magliano Alfieri. Un eventuale intervento di pittura contemporanea nell’interno (seppur previsto su applicati pannelli rimovibili, solo in parte?) non deve prescindere da questa procedura basilare, né dovrebbe essere inserito con modalità prevaricanti rispetto alle preesistenze. Purtroppo, da quanto si può notare in uno dei progetti per l’interno (pubblicato ne “La Stampa” succitata), il risultato proposto appare omnicomprensivo delle pareti e delle volte, nonché cromaticamente esorbitante, quindi privo di attenzione al preminente carattere oratoriale dell’interno, nonché alla presenza di preesistenti opere pittoriche. Con quali “soluzioni” si opererebbe anche per l’esterno?

In base a tali considerazioni, questa Sezione di “Italia Nostra” nuovamente richiede alle SS. LL. il non accoglimento tout court dei tre progetti presentati. Ribadisce, semmai, la necessità di procedere in applicazione della vigente normativa statale e di provvedere alle necessarie operazioni di preventiva indagine e di accurato restauro nell’interno.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Altritasti Periodico on line dell'Associazione di Promozione Sociale Altritasti - via Carducci 22 - 14100 Asti - C.F. 92060280051
Registrazione: Tribunale di Asti n. 7/2011 del 28.10.2011 - Direttore Responsabile: Alessandro Mortarino