Alba, l'opposizione accusa il sindaco di conflitto d'interessi

di Maurizio Bongioanni.

Il consiglio comunale che si è tenuto il 30 settembre ad Alba è durato quasi 4 ore ma è negli ultimi 20 minuti che ha riservato delle sorprese. Il consigliere di minoranza Alberto Gatto, a nome del gruppo Uniti per Alba, ha infatti accusato il sindaco Carlo Bo di un possibile conflitto di interessi e di pensare più agli interessi suoi privati che a quelli della città di Alba...

L'oggetto della discussione è stato un ufficio di proprietà del sindaco nell'area dell'ex-Calissano, area oggetto di una proposta di variante al piano regolatore che permetterebbe di modificare la destinazione d'uso da produttiva a residenziale. Secondo la minoranza, il voto del sindaco nei due precedenti passaggi in consiglio sarebbe stato inopportuno, dimostrando un interesse "di parte" e di speculazione.

Di seguito pubblichiamo la lettera letta da Alberto Gatto durante il consiglio:

Grazie Presidente,

Signor Presidente, Signor Sindaco, Assessori e colleghi consiglieri,

intervengo a nome di tutti i consiglieri comunali di minoranza che concordano con me totalmente

Noi consiglieri comunali di minoranza negli ultimi giorni abbiamo approfondito meglio i contenuti di questa variante che oggi volge al termine dell’iter con l’ approvazione definitiva.

Riteniamo non ci sia nulla da eccepire sulla parte relativa all’area di Altavilla, in cui si trasforma l’area FOS in ambito speciale (AS28) mantenendo la medesima destinazione, dove non vi è dubbio sull’interesse pubblico a recepire l’istanza che la proprietà ha manifestato.

Altra opinione abbiamo maturato sull’area che riguarda l’immobile “Ex Calissano”, dove si trasformano circa 6.600 m2 di zona BP1 in zona BR2 (zona prevalentemente residenziale di Corso Langhe). La trasformazione dell’area di BP1 in BR2 permetterà di modificare la destinazione Td del Previgente Piano, ora in Pd produttiva -direzionale, in residenziale. Qui dubitiamo che interessi privati siano nettamente prevalenti sulle motivazioni di interesse pubblico che sempre debbono essere alla base dei provvedimenti che assumiamo in questo Consiglio.

Temiamo sinceramente che ci siano ragioni speculative. E’ evidente a tutti che ancora oggi, nonostante la crisi immobiliare, il valore di un appartamento a destinazione residenziale sia ben maggiore di quello che viene utilizzato per attività aziendali o terziarie. Sì, noi abbiamo il sospetto che alla base di questa variante non ci sia un interesse pubblico, così come pensavamo nelle due sedute precedenti, ma ragioni molto più basse: speculazioni di privati.

Sul punto, Sindaco, ci permettiamo di rivolgerle alcune domande. Signor Sindaco, visto quanto detto sinora, ci dice se lei sulla porzione di Via Santa Barbara oggetto della Variante ha un interesse privato? Utilizza un ufficio nella palazzina di Via Santa Barbara?

Conferma o smentisce questi nostri dubbi? Se li smentisce, certamente parteciperà al voto favorevole di questa delibera, mentre in caso opposto, qualsiasi posizione lei assumerà, non farà altro che confermare i timori che lei possa aver taciuto interessi privati a questo consiglio e ai cittadini albesi.

Ci rivolgiamo a lei Assessore Abellonio che ha illustrato la delibera in più sedute di Commissione e nei due passaggi consiliari, prima di questa sera: non ha mai sospettato che il Sindaco potesse avere un interesse privato su quell’area?

E, almeno, voi colleghi Consiglieri della maggioranza, siete stati informati dal Sindaco di questo possibile conflitto di interessi, anche considerando che in quell’ufficio avrete tenuto diverse riunioni durante la campagna elettorale?

I dubbi che sono sorti a noi consiglieri di minoranza in questi giorni, se saranno confermati, denoteranno assenza di trasparenza e di chiarezza. Ci sentiremo presi in giro da questa Amministrazione e con noi tutti i cittadini.

Ci rivolgiamo di nuovo a Lei, Signor Sindaco, perché non vorremmo mai che con questa delibera si configurasse un conflitto di interessi o, nella peggiore delle ipotesi si stesse consumando un possibile reato. Perché se così fosse, e per il bene di Alba non ci crediamo e non vogliamo crederci, anziché “Alba prima di tutto” come lei affermava, ha passato i primi mesi di amministrazione a curare i propri interessi, costruendo la prima delibera già a dicembre 2019. E ha usato il primo consiglio del 2020, in pieno lock down, a pensare non ai problemi dei cittadini e delle imprese duramente colpiti dal Covid, ma ancora in quella occasione a curare i propri interessi privati. Ricordiamo che in quel Consiglio, non ha nemmeno impegnato almeno una parte degli oltre 6 milioni di euro di avanzo di amministrazione accertati.

Se le nostre supposizioni fossero confermate, il danno per la nostra città sarebbe enorme e di una gravità inaudita.

Ma noi non vogliamo credere a tutto questo, perciò, attendiamo da Lei, in questa assise, tutti i necessari chiarimenti del caso, perché, Sindaco, non vorremmo che il suo slogan elettorale da “Alba prima di tutto con Carlo Bo” si trasformasse in “Alba prima di tutto PER Carlo Bo”.

Il sindaco Carlo Bo ha replicato che non intende presentare richiesta per il cambio d'uso del suo ufficio e per questo motivo non vede alcun conflitto d'interessi. La delibera  stata approvata non senza difficoltà: il gruppo Alba liberale, il gruppo con assessore di riferimento il vicesindaco Carlotta Boffa, con presenti il presidente del consiglio Domenico Boeri, si è astenuto. La variante è passata con un solo voto di scarto, quello del sindaco.

L’opposizione ha convocato una conferenza stampa per sabato 3 ottobre sul tema.

Il consiglio comunale può essere guardato qui: https://www.youtube.com/watch?v=ylDGS-7l5Fg

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Altritasti Periodico on line dell'Associazione di Promozione Sociale Altritasti - via Carducci 22 - 14100 Asti - C.F. 92060280051
Registrazione: Tribunale di Asti n. 7/2011 del 28.10.2011 - Direttore Responsabile: Alessandro Mortarino