17 Ott 2019 10:29
Una marcia per salvare il fiume: il 19 ottobre si cammina per il Tanaro

Il Collettivo Mononoke, il Laboratorio Sociale Chabas, il Cinema Vekkio e Tanaro Libera Tutti chiamano la cittadinanza alla Marcia sul fiume: una camminata che sabato 19 ottobre alle [ ... ]

Cuneo Langhe e RoeroLeggi...
17 Ott 2019 10:24
Cuneo adotta un Piano Urbano Mobilità (in)Sostenibile

di Ugo Sturlese. La città di Cuneo pubblica il PUMS (Piano Urbano della Mobilità sostenibile). Un documento ponderoso, con obiettivi condivisibili tra cui la riduzione dei mezzi privati [ ... ]

Cuneo Langhe e RoeroLeggi...
17 Ott 2019 09:33
L'Osservatorio del paesaggio chiede un incontro ai sindaci per collaborare sull'autostrada At-Cn

L'Osservatorio per la tutela del paesaggio di Langhe e Roero indirizza una lettera ai sindaci di Alba, Bra, Verduno e Roddi. Oggetto: una richiesta di incontro per il completamento dell'autostrada [ ... ]

Cuneo Langhe e RoeroLeggi...
17 Ott 2019 08:32
Omaggio all'uomo che piantava gli alberi

di Laura Nosenzo.
C'è un uomo che nella realtà ha compiuto le stesse azioni di Elzéard Bouffier, il pastore raccontato da Jean Giono nel libro "L'uomo che piantava gli alberi" [ ... ]

Ambiente e TerritoriLeggi...
13 Ott 2019 06:23
La risposta alla crisi ecoclimatica globale? Starnazzare a vuoto contro chi si batte per arginarla...

di Franco Correggia. Il problema. L’utilizzazione dei combustibili fossili (carbone, petrolio, gas naturale) a scopo energetico, associata con la distruzione su larga scala delle [ ... ]

Editoriali di AltritastiLeggi...
13 Ott 2019 06:04
Quel che accade con le verità universali

di Wislawa Szymborska, Premio Nobel per la letteratura nel 1996. Dei pescatori tirarono fuori dagli abissi una bottiglia. Dentro c’era un pezzo di carta, con scritte queste parole: [ ... ]

Diritti SocialiLeggi...
13 Ott 2019 05:59
I tre volontari del Servizio Civile presso la scuola CPIA di Asti si raccontano…

Una scuola aperta al mondo con il progetto “Oltre la scuola” e il nuovo progetto “L’ombelico del mondo”. Il CPIA 1 Asti da febbraio 2018 ospita volontari in Servizio Civile [ ... ]

Città in (lenta) trasformazioneLeggi...
11 Ott 2019 20:09
Le donne Curde

A cura del Coordinamento Donne CGIL Asti. C'è guerra in Rojava, la regione curda nel nord della Siria oggi lasciata in pasto alla Turchia. I Curdi sono stati tra i pochi a contrastare [ ... ]

Pace e LegalitàLeggi...
10 Ott 2019 08:13
Dalla strada alla casa: ecco il welfare di comunità che si basa sulla reciprocità

di Maurizio Bongioanni. Cosa succede a un rifugiato dopo un anno di accoglienza? C'è chi va in altri paesi, chi finisce in canali poco raccomandabili, e chi viene accolto grazie a [ ... ]

Cuneo Langhe e RoeroLeggi...
07 Ott 2019 07:31
Asti: ciclo di incontri di formazione sulla sostenibilità

6 appuntamenti, a partire da sabato 12 ottobre. La grande partecipazione di cittadini alle manifestazioni tenutesi in questi mesi in ogni angolo del mondo per reclamare l'impegno [ ... ]

Città in (lenta) trasformazioneLeggi...
Ott
18

19:00 Ven 18 Ott 2019 - 18:00 Dom 20 Ott 2019

Ott
18

Ven 18 Ott 2019 20:00 - 21:30

Ott
19

Sab 19 Ott 2019 09:00 - 13:00

Ott
19

Sab 19 Ott 2019 16:30 - 18:30

Ott
19

Sab 19 Ott 2019 17:00 - 19:00

Ott
19

Sab 19 Ott 2019 17:30 - 23:00

Ott
19

Sab 19 Ott 2019 21:00 - 23:00

Ott
19

Sab 19 Ott 2019 21:30 - 23:30

Ott
20

Dom 20 Ott 2019 08:00 - 12:00

Ott
20

Dom 20 Ott 2019 09:00 - 19:00

Quel distributore non serviva proprio

Imagedi Elio Archimede.

Il mio è uno sfogo certamente inutile perché i lavori procedono e così ci siamo giocati anche un tratto, finora pulito delle nostre colline; tuttavia giova segnalare un altro brutto episodio di mala amministrazione pubblica. Nel tratto stradale della cosiddetta Asti Mare, compreso tra Montegrosso e la galleria di Agliano Terme, è stato piazzato un nuovo distributore di benzina ...

In quel tratto, compreso tra due quartieri commerciali pieni di brutti capannoni e bruttissime insegne al neon, non c’era nulla, si poteva guardare le vigne e le case tradizionali, in gloria al tentativo di farci riconoscere il territorio come patrimonio dell’umanità. E invece ora avremo un distributore di benzina, inquinante in tutti i sensi, anche sotto l’aspetto visivo e per l’introduzione di materiali costruttivi estranei al nostro ambiente.

Di chi è la colpa? Certamente della Regione, cui compete la concessione. Quindi la stessa Regione dei tagli ai servizi e alle risorse locali, la stessa Regione che considera inutili le iniziative comunali ispirate al tartufo e applica alla raccolta un calendario di altri tempi, ignorando che le stagioni stanno cambiando e vanno sempre più in anticipo. Questa concessione frutta qualche soldo alla Regione, mentre danneggia il patrimonio territoriale.

Oltre alla protesta per l’ambiente, vorrei sapere dove sono finiti tutti i ragionamenti che per anni ci hanno rifilato: la benzina costa cara perché ci sono troppi distributori. E allora perché ne fate dei nuovi, non richiesti dalla popolazione? Già, perché questo è un altro problema: duecento metri prima del nuovo distributore ce n’è un altro, così come, cento metri più avanti, dopo la galleria. Ma all’Opessina, meno di un chilometro dopo ce n’è un altro e così pure sulla strada per Canelli. Cinque pompe di benzina in un chilometro sarà un inno alla libera concorrenza, ma a me sembra una cretinata.

A proposito di colpi di genio, ma a chi è venuta l’idea di indicare «Asti Mare» come direzione di uscita della nuova superstrada (o autostrada) AstiCuneo? L’indicazione giusta era Nizza e Canelli, al massimo Acqui Terme, mentre Asti Mare è il nome che si usava tanti anni fa, oggi non più, per indicare un percorso di guerra in direzione Savona. Mettetevi nei panni dei turisti stranieri, che leggono Asti Mare, penseranno a una nuova spiaggia, dopo essere usciti dall’autostrada TO-PC, che deviando per Genova Voltri è davvero la strada più diretta per raggiungere Genova e Savona. Del resto, appena completato il tratto Alba-Cherasco, la strada più breve per raggiungere Savona sarà proprio la Asti-Cuneo.

Ma anche l’indicazione Acqui Terme posta in evidenza al casello Asti Est è un’altra stupidaggine: chi arriva da Torino e vuole andare ad Acqui, è bene che proceda per Alessandria ed esca ad Alessandria sud, risparmierà tempo e non inquinerà tanti paesi astigiani di collina. Al contrario Canelli e Nizza e soprattutto Alba meriterebbero la priorità, almeno quanto la lontanissima Cuneo.

Non abbiamo una buona classe dirigente, ma anche i livelli dirigenziali intermedi non ci fanno proprio mancare niente!

Commenti  

0 #1 Giuliana Cupi 2011-06-22 08:48
Vorrei solo far notare che il prezzo della benzina non dipende dal numero dei distributori e che, per legge di mercato e osservazione empirica che ognuno di noi può fare, nei posti dove ce ne sono pochi (montagna, collina, aree poco popolate) i gestori tendono a praticare un prezzo più alto. Per il resto concordo con le osservazioni del lettore.
Citazione

I vostri commenti

  • Il tempo dei corvi

    Monaca Gianfranco 25.09.2019 04:48
    il sovranismo, figlio del nazionalismo e nipote del classismo è il mostro che si aggira per il Pianeta, con i suoi ambasciatori Trump e Bolsonaro, e suoi rappresentanti locali democraticamente eletti. La difesa è una sola: pensare con il proprio cervello e agire con in proprio corpo.

    Leggi tutto...

     
  • Vietato accompagnare i bambini a scuola in auto

    Monaca Gianfranco 25.09.2019 04:38
    ottimo per Asti, dove si firma?

    Leggi tutto...

     
  • Le Osservazioni della Rete Asti Cambia al progetto del Piano del traffico di Asti

    Mario 18.09.2019 07:46
    Analisi e proposte sacrosante che un’amministrazione responsabile dovrebbe leggere e realizzare SUBITO. Ma ho l’impressione che anche questa come le precedenti amministrazioni non ha la coscienza di questo problema importantissimo: si parla della salute dei cittadini che è il primo obiettivo di ...

    Leggi tutto...

     
  • Asti si mobilita per la... mobilità

    Monaca Gianfranco 11.09.2019 08:13
    saremo presenti

    Leggi tutto...

Altritasti Periodico on line dell'Associazione di Promozione Sociale Altritasti - via Carducci 22 - 14100 Asti - C.F. 92060280051
Registrazione: Tribunale di Asti n. 7/2011 del 28.10.2011 - Direttore Responsabile: Alessandro Mortarino