Multa di 5 milioni di euro per ENI: pubblicità "green" ingannevole

«Riduce le emissioni di gas serra fino al 40%» recitava lo spot pubblicitario di “ENIdiesel+”, veicolato negli ultimi tre anni attraverso giornali, televisione, radio, cinema, web e stazioni di servizio
Ma l'Autorità italiana garante della concorrenza e del mercato lo ha dichiarato ingannevole ed è molto probabile che medesima sorta toccherà ad altre compagnie petrolifere che pubblicizzano i biocarburanti come amici dell’ambiente e del clima.

La sanzione comminata per “pratica commerciale ingannevole” è salata: 5 milioni di euro nei confronti di ENI, azienda che ha come socio di maggioranza il ministero dell’Economia.

La sentenza è arrivata a seguito di un reclamo presentato da Legambiente, dal Movimento Difesa del Cittadino e da Transport & Environment (T&E) per violazione del Codice del Consumo.
Il gasolio Eni-Diesel+ è prodotto nelle raffinerie Eni di Venezia e di Gela  grazie all’utilizzo di una componente del 15% di HVO (Hydrotreated Vegetable Oil) e nell’impianto italiano si produce questo componente da olio di palma grezzo e dai suoi derivati.

La sentenza sul greenwashing di Eni afferma che «è particolarmente ingannevole utilizzare la denominazione “Green Diesel” e le qualifiche “verde” e “rinnovabile” per riferirsi alla componente HVO del prodotto», principalmente a causa delle emissioni associate all’uso di olio di palma. Sostiene, inoltre, che non esiste alcuna giustificazione o calcolo che giustifichi la riduzione del 5% delle emissioni di gas serra.

La "pennellata di verde" tentata da ENI è stata così smascherata. Ma quante altre "pennellate" ci attendono nel prossimo futuro da parte dell'intero comparto industriale internazionale?...

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Altritasti Periodico on line dell'Associazione di Promozione Sociale Altritasti - via Carducci 22 - 14100 Asti - C.F. 92060280051
Registrazione: Tribunale di Asti n. 7/2011 del 28.10.2011 - Direttore Responsabile: Alessandro Mortarino