Nuovi Padri Fondatori

di Franco Negro.

Una costante. Penso succeda a tutti che qualche oggetto che non butti mai via, non sai perché, periodicamente spunta fuori. A me capita con un vestito nero che penso sia stato di mia nonna e sia quello di nozze, allora ci si sposava in nero...

Quella è un’altra storia che un giorno racconterò ma mi serve per introdurne un’altra, quella di un giornale che da venerdì nove agosto di quest’anno mi ritrovo tra i piedi.

La sera prima il Torino fa cinque gol al Soligorsk – squadra bielorussa – e il titolo è “Fame da lupi”. Oggi sappiamo che il Toro è già fuori dal torneo europeo. Lo stesso giorno il Papa rilascia un’intervista, e così titola il giornale “ Salviamo l’Europa, il sovranismo porta alla guerra”. E l’intervista in estrema sintesi dice che il Papa ritiene che l’Europa in questi anni sia stata indebolita e che bisogna assolutamente salvarla.

Nelle pagine interne l’Onu ci fa sapere che il “Mediterraneo è a rischio desertificazione” inoltre veniamo a sapere, se già non lo sapevamo, che sarà l’Africa a pagare il prezzo più alto.

Più in basso uno studio ci avvisa che (non più come al tempo di Mao che seduto in riva al fiume prima o poi vedeva passare il cadavere del suo nemico) seduti in riva al Po, vedremmo passare tonnellate di plastica.

Ma il titolone di apertura della prima pagina è: Salvini licenzia Conte: “Votiamo”.

A rileggere, mettendo a confronto un quotidiano di oggi, ci si rende conto che le parole non hanno più alcun peso, meglio: hanno peso per alcune ore e servono per “saggiare” le reazioni per poi all’occorrenza cambiarle. Il giornale scrive di insulti feroci tra Lega e Cinque Stelle con posizioni che, alla luce attuale, fanno ridere a crepapelle.

Se le persone, non necessariamente i politici, rileggessero quello che hanno detto il giorno prima si chiederebbero se sono d’accordo con ciò che gli esce dalla bocca e spesso mi chiedo se sia quello l’orifizio dal quale fuoriesce il suono.

Voi penserete che esageri ma se avete voglia di cercare e confrontare quello che è stato scritto in questi tempi scoprirete che non esagero per niente.

Questo eccesso di pessimismo, capisco i giornalisti che devono scrivere di politica tutti i giorni, non vi inganni perché come ho accennato all’inizio ci sono interviste e notizie tutti i giorni che ti riconciliano.

Nella mia stanza avevo appeso una fotografia di Papa Paolo VI con in testa un copricapo di penne di un capo indiano; Papa Francesco oggi stringe le mani ad un capo Indios;  non sono un seguace ma  rivendico la voglia di trovare ovunque sia possibile, nuovi Padri Fondatori.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Altritasti Periodico on line dell'Associazione di Promozione Sociale Altritasti - via Carducci 22 - 14100 Asti - C.F. 92060280051
Registrazione: Tribunale di Asti n. 7/2011 del 28.10.2011 - Direttore Responsabile: Alessandro Mortarino