Uno studio rivela che siamo noi italiani a trasmettere batteri agli immigrati

di Roberto Burioni e Nicasio Mancini*.

«Gli immigrati! È una vergogna! Sono un pericolo! Portano brutte infezioni dai loro Paesi, infezioni difficili da curare!». Questo è quello che si sente dire in giro, ma siamo sicuri che sia vero? In realtà i fatti ci dicono che le cose non stanno proprio così ...

Come tutti sapete, gli antibiotici sono tra i farmaci più preziosi che l’uomo abbia scoperto nel corso della propria storia. Una volta si moriva come ridere per una polmonite, una tonsillite, una banale infezione: oggi non più.

Non deve, quindi, meravigliare come i batteri che hanno imparato a resistere agli antibiotici, in altre parole a sfuggire al loro effetto, siano una delle principali emergenze in ambito medico. In altre parole, i batteri resistenti agli antibiotici sono un problema reale e pressante che mette in pericolo la nostra salute. Non è che per caso gli immigrati ce li portano in massa dai loro Paesi?

Lo studio su batteri resistenti e flussi migratori

Chiariamoci: la domanda è legittima e porsela non significa essere razzisti. Talmente legittima, che se la sono recentemente posta ricercatori inglesi e danesi, che hanno deciso di studiare il rapporto fra la diffusione dei batteri resistenti agli antibiotici e i flussi migratori in Europa.

La risposta non l’hanno però chiesta a un politico di turno o ai frequentatori dei social media, ma l’hanno cercata esaminando a fondo quasi 2.300 articoli scientifici pubblicati negli ultimi anni.

Il risultato è davvero sorprendente

Prima di tutto è risultato un fatto piuttosto scontato: i migranti sono persone particolarmente a rischio dal punto di vista sanitario. D’altra parte, chi soffre fame e sete in condizioni estreme, come dire, spesso non ne esce con una salute di ferro.

Non meraviglia, quindi, che il 33% (esattamente uno su tre), dei migranti più sfortunati, quelli che scappano da guerre e chiedono asilo, abbia avuto un’infezione o sia portatore sano (in termini tecnici colonizzato), di batteri resistenti a un gran numero di antibiotici.

Dove si ammalano i migranti?

La parte più sorprendente dello studio, però, è quella che valuta dove queste donne e questi uomini si sono presi  batteri potenzialmente molto pericolosi. Qui viene il bello. Perché questi migranti i batteri resistenti agli antibiotici non li acquisiscono nei loro Paesi poveri e martoriati, dove soldi per gli antibiotici scarseggiano e le medicine vengono usate con il contagocce.

I batteri resistenti – tenetevi forte –, i migranti li contraggono quando sono costretti a vivere, pigiati con altre centinaia di persone, in condizioni inumane in Paesi in cui i batteri resistenti agli antibiotici sono presenti in maniera molto abbondante. Indovinate qual è uno di questi Paesi?

Italia e Grecia sono i Paesi più pericolosi

Avete indovinato: l’Italia, che non solo è un luogo di primo approdo per i migranti, ma anche un Paese (insieme alla Grecia), che primeggia in Europa per la presenza di questi pericolosissimi batteri resistenti ai farmaci.

Dunque, non siamo noi che prendiamo questi pericolosi batteri dagli immigrati (le evidenze di trasmissione alle popolazioni locali sono ancora molto scarse).

Sono i migranti che li prendono da noi

Il paradosso è che in altri Paesi in Europa, dove il numero di batteri resistenti è molto inferiore al nostro, sono preoccupati da chi proviene dall’Italia, perché potrebbe diffondere questi batteri.

A proposito, a conferma di quanto emerge dallo studio, questo non vale solo per gli immigrati, vale anche per noi italiani. Ci sono nazioni in cui, se un italiano è ricoverato in ospedale, è tenuto in isolamento (potremmo quasi dire in quarantena), durante il periodo di ricovero, per il timore che possa diffondere i batteri resistenti dove non ci sono.

Noi italiani siamo al sicuro?

In conclusione, potremmo dire che il lavoro che abbiamo presentato in un certo qual modo tranquillizza noi italiani, insieme ai greci, e preoccupa i Paesi europei con un minor livello di resistenze agli antibiotici. Vero, ma fino a un certo punto.

In realtà le cose non stanno proprio così, perché gli autori di questo studio non hanno considerato un’infezione pericolosissima, facile da trasmettere e molto difficile da curare: la tubercolosi.

Purtroppo, se parliamo di quest’infezione, i fatti ci dicono che le cose stanno in modo diverso. Per spiegarvelo con chiarezza, come nostra abitudine, faremo parlare i fatti e vi racconteremo tutto tra qualche giorno.

Perché in medicina contano solo i fatti e sono quelli che vi riportiamo in Medical Facts.

Leggi l'originale su MedicalFacts

Fonte: The Lancet Infectious Diseases 2018; 18:796-811

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Altritasti Periodico on line dell'Associazione di Promozione Sociale Altritasti - via Carducci 22 - 14100 Asti - C.F. 92060280051
Registrazione: Tribunale di Asti n. 7/2011 del 28.10.2011 - Direttore Responsabile: Alessandro Mortarino