02 Ago 2020 08:01
In Spagna la città che ha abolito le auto

Con una popolazione di 84.000 abitanti concentrati in un’area non molto vasta, la città spagnola di Pontevedra era diventata negli anni ‘90 un luogo invivibile, soffocato dalle [ ... ]

Ambiente e TerritoriLeggi...
02 Ago 2020 07:54
La newsletter di Altritasti va in ferie, ma con l'occhio vigile...

Scatta l'ora ics, l'ora dell' "ora et labora et lege et noli contristari" (prega, lavora, studia e non farti prendere dalla sfiducia), l'ora che dura tutto agosto e in ogni agosto [ ... ]

Editoriali di AltritastiLeggi...
02 Ago 2020 07:51
Mondovì: Italia Nostra e Forum Salviamo Il Paesaggio insieme per salvare 150 mila mq di aree agricole

Mondovì: sulla questione del progetto Piattaforma Logistica del Cuneese, Italia Nostra e Forum Salviamo Il Paesaggio intervengono in sostegno del comitato MondoVivo chiedendo al comune [ ... ]

Cuneo Langhe e RoeroLeggi...
30 Lug 2020 20:51
… e il quattro vien da sè

di Paolo X Viarengo.

Non c’è due senza tre, recita il noto proverbio. Infatti, dopo il dimezzamento dei contributi all’Israt, arbitrariamente decisi in quanto l’intervento dell’amministrazione [ ... ]

Città in (lenta) trasformazioneLeggi...
29 Lug 2020 21:36
I Ministeri confermano i nostri rilievi critici: 5 articoli della legge regionale 13/2020 piemontese sono incostituzionali e svariati altri verranno modificati dalla stessa Regione

Ancora una volta ci avevamo visto giusto. Tanto che i rilievi tecnici e giuridici che il Forum Salviamo il Paesaggio avevano trasmesso agli uffici regionali e a tutti i ministeri sono [ ... ]

Ambiente e TerritoriLeggi...
26 Lug 2020 16:15
Asti progetta un nuovo centro commerciale. Anacronistico...

di Alessandro Mortarino. Se mettiamo in relazione due fatti registrati in questa settimana, credo abbiamo chiara l'evidenza del "cortocircuito" (e della "schizofrenia") di questo [ ... ]

Città in (lenta) trasformazioneLeggi...
26 Lug 2020 16:10
Gli effetti sulla qualità dell’aria e sulle emissioni in atmosfera dei provvedimenti legati all’emergenza COVID-19 in Piemonte

Il rapporto tecnico, appena pubblicato da Arpa Piemonte, prende in esame l’insieme dei dati disponibili (variazioni delle pressioni emissive, meteorologia e stato della qualità [ ... ]

Ambiente e TerritoriLeggi...
26 Lug 2020 16:08
Recovery Fund: é tutto oro (o tutto loro) quello che luccica?

di Marco Bersani, Attac Italia. Spiace ancora una volta dover smentire la narrazione massmediatica dominante, pronta ad assegnare  il Pallone d’oro 2020 al premier Conte per l’accordo [ ... ]

Diritti SocialiLeggi...
23 Lug 2020 21:33
Torna Fiumanità, con una doppia passeggiata lungo il Tanaro

Il 25 luglio 2020 tante associazioni attive sul territorio di Ceva, Cherasco e Alba, (quali LaCasarotta aps, Tanaro Libera Tutti, Laboratorio Sociale Chabas, Lauto Educare, Salviamo [ ... ]

Cuneo Langhe e RoeroLeggi...
23 Lug 2020 21:25
Ripartiamo dall'arte...di strada!

“Come tutti ben sappiamo gli artisti non hanno un’utilità diretta alla creazione del benessere di una società. In tempi come questi il loro operare è stato sospeso, perché le [ ... ]

Cuneo Langhe e RoeroLeggi...
Ago
15

Sab 15 Ago 2020 09:00 - 16:00

Ago
15

Sab 15 Ago 2020 09:30 - 22:30

Ago
28

Ven 28 Ago 2020 21:00 - 23:00

Ago
29

Sab 29 Ago 2020 16:00 - 18:00

Ago
30

Dom 30 Ago 2020 21:00 - 23:00

La Carta di Villanova d'Asti a difesa delle alberate pubbliche

La crescente sensibilità mostrata dalla popolazione astigiana rispetto al ruolo e all'importanza degli alberi e, più in generale, delle alberate stradali, in termini di valore ambientale, ma anche di rilevanza storico culturale e paesaggistica, ha portato l’Amministrazione comunale di Villanova d’Asti, insieme all’Associazione per la difesa della piana villanovese, con la collaborazione  tecnico-scientifica dell’Ordine dei Dottori Agronomi e Dottori forestali della Provincia di Asti, del Circolo Legambiente Valtriversa e dell’Associazione “Terra, Boschi, Gente e Memorie”, ad organizzare un partecipato Convegno che si è concluso con la sottoscrizione collettiva di questa importante "Carta" ...

Documento guida della progettazione e gestione delle alberate nell'Astigiano, letto ed approvato al termine del Convegno “Quali specie arboree ed arbustive per la progettazione del verde stradale nel paesaggio astigiano ?”, Confraternita dei Batù a Villanova d’Asti, sabato 11 gennaio 2014.

Considerato che le alberate pubbliche rappresentano un patrimonio estremamente importante da un punto di vista ambientale, culturale e paesaggistico per la collettività, con la presente CARTA, si richiede con forza che:

1) si attui su tutto il territorio astigiano un censimento preciso e puntuale di ogni esemplare arboreo di tutte le alberature stradali, come premessa fondamentale per la loro corretta manutenzione e conservazione (anche in relazione alla recente normativa nazionale sul Verde urbano Legge n° 10 del 14 gennaio 2013);

2) ogni nuovo intervento progettuale sia preceduto da un attento e preciso esame del contesto paesaggistico ed ambientale con particolare riferimento alle caratteristiche pedologiche e microclimatiche dei siti considerati, al fine di evitare grossolani errori nelle scelte botaniche, prediligendo in via ordinaria la flora autoctona, soprattutto al di fuori dei centri abitati;

3) ogni nuovo intervento progettuale e/o manutentivo, con particolare riferimento alle potature e agli abbattimenti, venga attuato solo dopo una preliminare ed accurata informazione dell’Ente Pubblico responsabile localmente e della stessa popolazione, nei modi e tempi previsti dalle regole della democrazia;

4) si esegua con le moderne tecnologie informatiche una rappresentazione grafica dell’evoluzione dell'alberata per un congruo periodo di tempo (5 - 10 anni), al fine di prospettare visivamente i risultati degli interventi proposti per poterne meglio apprezzare il rapporto costi/benefici;

5) venga sempre predisposto un accurato programma manutentivo (secondo quanto previsto dalla vigente normativa sulle Opere Pubbliche) per un periodo almeno decennale, per definire in modo preciso e puntuale gli interventi necessari, anche su base stagionale;

6) venga messa in atto una difesa attiva delle alberate, soprattutto nei primi anni, da fattori esterni diversi, taluni aggressivi e imprevedibili (attacchi parassitari, eventi meteorologici eccezionali), altri prevedibili (contatti corticali da mezzi meccanici, contatti radicali da sostanze distribuite sul manto o bordo stradale, tagli dell’apparato radicale a seguito di lavori stradali di scavo);

7) si ricorra solo ed esclusivamente nella realizzazione degli interventi manutentivi, soprattutto in riferimento alla potatura, a maestranze ed operatori altamente qualificati sotto la guida di professionisti abilitati ad operare in campo agrario e forestale;

8) venga programmato ed attuato un accurato e periodico monitoraggio delle alberate,facendo riferimento ai protocolli internazionali nel campo specifico dell’arboricoltura, attraverso valutazioni visive (VTA) e, nei casi richiesti, ad apposite indagini strumentali, al fine di accertare, prevenire e correggere eventuali anomalie o problematicità, anche da un punto di vista fitostatico;

9) venga prevista, in relazione alla straordinaria importanza e ruolo delle alberate nel contesto astigiano, una loro sistematica realizzazione ovunque sia possibile, anche e soprattutto in riferimento alle aree di sosta e di parcheggio, compatibilmente con le attuali norme in materia stradale, attraverso un
adeguamento degli strumenti di pianificazione territoriale e la destinazione di appositi fondi pubblici;

10) emerga, proprio da Villanova d’Asti, il principio per cui gli interventi di progettazione, gestione, monitoraggio e salvaguardia delle alberate nell’Astigiano – e da qui in tutta Italia - sia in capo solo ed esclusivamente alla responsabilità di figure professionali appositamente formate ed abilitate secondo la normativa vigente ad operare in campo agrario e forestale e specificatamente dell’arboricoltura, potendo diversamente ricorrere gli estremi per una compromissione di un pubblico patrimonio con danni ambientali ed erariali per la collettività.

Villanova d’Asti, sabato 11 gennaio 2014

LETTO ED APPROVATO

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

I vostri commenti

  • … e il quattro vien da sè

    Mario 06.08.2020 07:06
    È utile ricordare, in particolare per chi non lo sapesse, che Greta Thunberg è solita esprimere i suoi importanti punti di vista DAVANTI AL PARLAMENTO DELLA SVEZIA. Ah già, ma la Svezia è un paese democratico e Stoccolma è amministrata democraticamente.

    Leggi tutto...

     
  • … e il quattro vien da sè

    Mario 05.08.2020 12:35
    Bravo, Paolo Viarengo. Utile dissertazione su quanto avviene e non avviene ad Asti. Non ho presente altre città in cui il sindaco disponga tali divieti, tanto più quando la manifestazione ha temi importanti come il clima ed il razzismo. Poveri noi! Chissà se venisse ad Asti Greta Thunberg dove avrebbe ...

    Leggi tutto...

     
  • … e il quattro vien da sè

    gianfranco monaca 05.08.2020 06:34
    Bravo, Paolo Viarengo! Un articolo bellissimo! La secolarizzazione della figura di san Secondo poi è magistrale: è la base della Repubblica Astese dal 1797.

    Leggi tutto...

     
  • Asti progetta un nuovo centro commerciale. Anacronistico...

    Andrea Nano 01.08.2020 12:22
    Basta cliccare sulla frase evidenziata in rosso e si apre la pagina del sito change.org con la petizione

    Leggi tutto...

Altritasti Periodico on line dell'Associazione di Promozione Sociale Altritasti - via Carducci 22 - 14100 Asti - C.F. 92060280051
Registrazione: Tribunale di Asti n. 7/2011 del 28.10.2011 - Direttore Responsabile: Alessandro Mortarino