10 Nov 2019 21:56
Mette radici ad Asti il Gruppo d'Intervento Giuridico onlus

Le azioni di singoli cittadini, associazioni, movimenti e comitati a tutela e salvaguardia dell'ambiente negli ultimi anni sono diventate molto più complesse di un tempo. L'analisi [ ... ]

Città in (lenta) trasformazioneLeggi...
10 Nov 2019 21:53
L'invasione che non c'è...

Sabato 16 novembre alle ore 10 al Centro Culturale San Secondo di Asti (via Carducci 24) la Diocesi di Asti organizza un incontro pubblico dal titolo "L'invasione che non c'è. Immigrazione [ ... ]

Città in (lenta) trasformazioneLeggi...
09 Nov 2019 21:52
Greta si è fermata a Taranto

di Marco Bersani, Attac Italia. Ogni volta che Greta parla in sede pubblica, leader politici di ogni estrazione culturale si sbracciano per tributarne la saggezza, per applaudirne [ ... ]

Ambiente e TerritoriLeggi...
09 Nov 2019 21:48
Economia della morte

di Franco Berardi Bifo. Notizia uno. L’impresa Arcelor Mittal (Usa) aveva accettato di gestire l’Ilva di Taranto in cambio dell’impunità ambientale. Il decreto 1 del 2015 varato [ ... ]

Ambiente e TerritoriLeggi...
06 Nov 2019 15:52
Monticello d'Alba - Sastre Ortiz: un gemellaggio italo-argentino che vive da 30 anni

di Maurizio Bongioanni. Felix Redolfi è un agronomo argentino di 61 anni ed è la sesta volta che visita l’Italia. Più precisamente, è la sesta volta che Felix visita il Piemonte, [ ... ]

Cuneo Langhe e RoeroLeggi...
06 Nov 2019 15:44
Audizione sulla ferrovia Cuneo-Nizza: le proposte del Comitato Difesa Ferrovie Locali

a cura del Comitato Difesa Ferrovie Locali Cuneo. Il Comitato Difesa Ferrovie Locali di Cuneo è stato ricevuto il 30 ottobre scorso a Torino presso la sede della Regione Piemonte dalla [ ... ]

Cuneo Langhe e RoeroLeggi...
06 Nov 2019 15:37
Testimonianze albesi dell'alluvione 1994

Si è tenuto in questi giorni un incontro ricco di testimonianze sull'alluvione 1994 ad Alba presso il centro di documentazione ambientale di AICA (Associazione Internazionale per la [ ... ]

Cuneo Langhe e RoeroLeggi...
05 Nov 2019 10:14
Salvare il proprio bambino

di Penny. Ogni madre e ogni padre ha diritto a portare in salvo il proprio bambino. Ha diritto di raccontare i sogni e cercare un luogo su cui fargli poggiare i piedi. Ha diritto [ ... ]

Pace e LegalitàLeggi...
05 Nov 2019 10:11
10 numeri per capire l’agricoltura piemontese

L’agricoltura piemontese sta affrontando un profondo rinnovamento. Gli effetti del riscaldamento globale e la crisi economica stanno accelerando con forza le trasformazioni che il [ ... ]

Ambiente e TerritoriLeggi...
02 Nov 2019 22:22
Un taglio alla memoria...

di Alessandro Mortarino. Non si placano le discussioni (e le polemiche) generate dalla decisione del Sindaco di Asti di dimezzare gli stanziamenti a favore dell'Israt (Istituto per [ ... ]

Città in (lenta) trasformazioneLeggi...
Nov
13

09:00 Mer 13 Nov 2019 - 19:00 Lun 18 Nov 2019

Nov
13

Mer 13 Nov 2019 16:15 - 18:00

Nov
13

Mer 13 Nov 2019 17:30 - 19:30

Nov
13

Mer 13 Nov 2019 18:00 - 20:00

Nov
13

Mer 13 Nov 2019 18:30 - 19:30

Nov
13

Mer 13 Nov 2019 19:15 - 20:15

Nov
14

Gio 14 Nov 2019 20:00 - 22:00

Nov
14

Gio 14 Nov 2019 21:00 - 23:00

Nov
15

Ven 15 Nov 2019 12:00 - 13:00

Nov
15

Ven 15 Nov 2019 17:00 - 19:00

Nov
15

Ven 15 Nov 2019 17:30 - 19:30

Nov
15

Ven 15 Nov 2019 21:00 - 22:00

La Carta di Villanova d'Asti a difesa delle alberate pubbliche

La crescente sensibilità mostrata dalla popolazione astigiana rispetto al ruolo e all'importanza degli alberi e, più in generale, delle alberate stradali, in termini di valore ambientale, ma anche di rilevanza storico culturale e paesaggistica, ha portato l’Amministrazione comunale di Villanova d’Asti, insieme all’Associazione per la difesa della piana villanovese, con la collaborazione  tecnico-scientifica dell’Ordine dei Dottori Agronomi e Dottori forestali della Provincia di Asti, del Circolo Legambiente Valtriversa e dell’Associazione “Terra, Boschi, Gente e Memorie”, ad organizzare un partecipato Convegno che si è concluso con la sottoscrizione collettiva di questa importante "Carta" ...

Documento guida della progettazione e gestione delle alberate nell'Astigiano, letto ed approvato al termine del Convegno “Quali specie arboree ed arbustive per la progettazione del verde stradale nel paesaggio astigiano ?”, Confraternita dei Batù a Villanova d’Asti, sabato 11 gennaio 2014.

Considerato che le alberate pubbliche rappresentano un patrimonio estremamente importante da un punto di vista ambientale, culturale e paesaggistico per la collettività, con la presente CARTA, si richiede con forza che:

1) si attui su tutto il territorio astigiano un censimento preciso e puntuale di ogni esemplare arboreo di tutte le alberature stradali, come premessa fondamentale per la loro corretta manutenzione e conservazione (anche in relazione alla recente normativa nazionale sul Verde urbano Legge n° 10 del 14 gennaio 2013);

2) ogni nuovo intervento progettuale sia preceduto da un attento e preciso esame del contesto paesaggistico ed ambientale con particolare riferimento alle caratteristiche pedologiche e microclimatiche dei siti considerati, al fine di evitare grossolani errori nelle scelte botaniche, prediligendo in via ordinaria la flora autoctona, soprattutto al di fuori dei centri abitati;

3) ogni nuovo intervento progettuale e/o manutentivo, con particolare riferimento alle potature e agli abbattimenti, venga attuato solo dopo una preliminare ed accurata informazione dell’Ente Pubblico responsabile localmente e della stessa popolazione, nei modi e tempi previsti dalle regole della democrazia;

4) si esegua con le moderne tecnologie informatiche una rappresentazione grafica dell’evoluzione dell'alberata per un congruo periodo di tempo (5 - 10 anni), al fine di prospettare visivamente i risultati degli interventi proposti per poterne meglio apprezzare il rapporto costi/benefici;

5) venga sempre predisposto un accurato programma manutentivo (secondo quanto previsto dalla vigente normativa sulle Opere Pubbliche) per un periodo almeno decennale, per definire in modo preciso e puntuale gli interventi necessari, anche su base stagionale;

6) venga messa in atto una difesa attiva delle alberate, soprattutto nei primi anni, da fattori esterni diversi, taluni aggressivi e imprevedibili (attacchi parassitari, eventi meteorologici eccezionali), altri prevedibili (contatti corticali da mezzi meccanici, contatti radicali da sostanze distribuite sul manto o bordo stradale, tagli dell’apparato radicale a seguito di lavori stradali di scavo);

7) si ricorra solo ed esclusivamente nella realizzazione degli interventi manutentivi, soprattutto in riferimento alla potatura, a maestranze ed operatori altamente qualificati sotto la guida di professionisti abilitati ad operare in campo agrario e forestale;

8) venga programmato ed attuato un accurato e periodico monitoraggio delle alberate,facendo riferimento ai protocolli internazionali nel campo specifico dell’arboricoltura, attraverso valutazioni visive (VTA) e, nei casi richiesti, ad apposite indagini strumentali, al fine di accertare, prevenire e correggere eventuali anomalie o problematicità, anche da un punto di vista fitostatico;

9) venga prevista, in relazione alla straordinaria importanza e ruolo delle alberate nel contesto astigiano, una loro sistematica realizzazione ovunque sia possibile, anche e soprattutto in riferimento alle aree di sosta e di parcheggio, compatibilmente con le attuali norme in materia stradale, attraverso un
adeguamento degli strumenti di pianificazione territoriale e la destinazione di appositi fondi pubblici;

10) emerga, proprio da Villanova d’Asti, il principio per cui gli interventi di progettazione, gestione, monitoraggio e salvaguardia delle alberate nell’Astigiano – e da qui in tutta Italia - sia in capo solo ed esclusivamente alla responsabilità di figure professionali appositamente formate ed abilitate secondo la normativa vigente ad operare in campo agrario e forestale e specificatamente dell’arboricoltura, potendo diversamente ricorrere gli estremi per una compromissione di un pubblico patrimonio con danni ambientali ed erariali per la collettività.

Villanova d’Asti, sabato 11 gennaio 2014

LETTO ED APPROVATO

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

I vostri commenti

  • Audizione sulla ferrovia Cuneo-Nizza: le proposte del Comitato Difesa Ferrovie Locali

    Borri Roberto 07.11.2019 20:09
    Analisi lucida quanto amara: un tempo, esistevano collegamenti da Torino con due sezioni che si separavano a Breil sur Roya: una proseguiva per Imperia Oneglia e l'altra per Nice Ville. Occorre ripristinare quanto prima questi servizi, trattandosi di linea non prettamente locale.

    Leggi tutto...

     
  • Parole per la terra

    Adriana Marchia 26.10.2019 13:50
    quanto è riposante abbandonarsi alla riflessione sui valori della Terra!

    Leggi tutto...

     
  • Partecipiamo al sit-in per difendere una valle boscata di Castagnole Monferrato

    Adriana Marchia 26.10.2019 13:46
    OOPPONIAMICI! ORRORE ORRORE ORRORE!!!

    Leggi tutto...

     
  • Il tempo dei corvi

    Monaca Gianfranco 25.09.2019 04:48
    il sovranismo, figlio del nazionalismo e nipote del classismo è il mostro che si aggira per il Pianeta, con i suoi ambasciatori Trump e Bolsonaro, e suoi rappresentanti locali democraticamente eletti. La difesa è una sola: pensare con il proprio cervello e agire con in proprio corpo.

    Leggi tutto...

Altritasti Periodico on line dell'Associazione di Promozione Sociale Altritasti - via Carducci 22 - 14100 Asti - C.F. 92060280051
Registrazione: Tribunale di Asti n. 7/2011 del 28.10.2011 - Direttore Responsabile: Alessandro Mortarino