Come un fiore nel deserto: l'orto sociale di WeCare tra autoproduzione, ecologia e legami solidali

Esiste uno spazio nell’immediata periferia di Alba, in zona Moretta, in cui ogni giorno si costruiscono in miniatura ideali ecologici, di solidarietà, di auto-produzione e redistribuzione delle risorse. Una sorta di fiore nel deserto dell’emergenza sanitaria e in un tempo in cui barriere invisibili s’innalzano tra le persone. E’ un piccolo lembo di terra in cui vengono coltivate verdure come fagiolini, insalata, melanzane, pomodori e patate senza l’uso di fitofarmaci. Ma non si tratta di un orto normale. “Qui ho l’impressione di cambiare un pezzo di mondo”, dice Sonia, una donna di 54 anni che lavora al progetto come volontaria. “Perché stiamo facendo bene alla natura, procurando benessere al quartiere da cui provengo e incarnando un modello positivo da cui i bambini possono prendere spunto”.

Ma facciamo un passo indietro. L’orto sociale è gestito dalla Cooperativa Alice all’interno del più ampio contenitore di WeCare: un progetto nato nel 2019, avviato dalla Regione Piemonte e finanziato dall’Unione Europea. WeCare si svolge nei quartieri albesi di Piave e Santa Margherita, poi a Canale e in Alta Langa. Con la coordinazione del Consorzio socio assistenziale sono le cooperative sociali Alice, Progetto Emmaus, Cos e Terra Mia a condurre i lavori. Un’operazione di squadra che tenta di recuperare un elemento in via di estinzione nel tessuto sociale odierno: l’aiuto reciproco, la rottura degli individualismi per il raggiungimento di un migliore vivere comune.

WeCare si avvale di molti strumenti: attività coi bambini, pulizia dei quartieri, riunioni, biblioteche di condominio, merende collettive. L’orto sociale si aggiunge a questi. Spiega Giulia Castagno, operatrice della cooperative Alice: “L’attività è impegnativa, il lavoro manuale soprattutto in estate non è facile e a livello sociale si è smarrita l’abitudine al sudore, ai calli nelle mani. La fatica è invece preziosa: rende differente anche lo stare insieme, attribuisce valore al legame, e lo stesso stare insieme rende la fatica più sopportabile e morbida. La soddisfazione è quindi moltiplicata”.

Aggiunge Elena Ferrero, operatrice di Progetto Emmaus: “L’orto sociale è un’ottima occasione per sperimentare la raccolta delle verdure di stagione e apprendere gli elementi di base per la cura e la coltivazione. Accanto a questo aspetto più evidente si inserisce il gioco di squadra nell’organizzazione del trasporto verso l’orto e la conduzione dell’attività. Ho notato che le persone coinvolte svolgono la mansione con grande impegno e allo stesso tempo lasciano emergere la loro dimensione più autentica: si lavora, ci si scambia ricette, si parla della vita, si scherza… Si entra dunque in un’atmosfera speciale, dove si è più disponibili ad accogliere l’Altro, dove si lasciano cadere le barriere, dove ci si sente egualmente investiti di un ruolo”.

A tutto questo si aggiunge la re-distribuzione del realizzato. Dagli stessi partecipanti, dal basso, è emersa un’idea: perché non allestire un mercatino con le verdure nei quartieri partecipanti a WeCare, e consegnare i prodotti in cambio di una piccola offerta? Perciò una volta a settimana prodotti coltivati approdano nei cortili in zona Piave e Santa Margherita e richiamano gli inquilini del condominio, che possono così avvicinarsi alla logica solidale di WeCare e conoscerla da vicino. L’intero ricavato proveniente dalle libere offerte dei partecipanti viene destinato al progetto stesso, e per la creazione di nuovi eventi o l’acquisto di materiale utile alla collettività. Conclude Elena Boccon, responsabile dell’Area Clinica di Progetto Emmaus: “Si tratta di un piccolo seme, che riprodotto in maniera più allargata potrebbe contribuire a generare altri modi di vivere la realtà, immaginando nuove possibilità di relazione e di condivisione”.

 

 

 

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Altritasti Periodico on line dell'Associazione di Promozione Sociale Altritasti - via Carducci 22 - 14100 Asti - C.F. 92060280051
Registrazione: Tribunale di Asti n. 7/2011 del 28.10.2011 - Direttore Responsabile: Alessandro Mortarino