Polemiche sull'otto marzo

di Luisa Rasero, Responsabile Coordinamento Donne Cgil Asti.

Su "La nuova provincia" del 16 marzo è apparsa una 'Lettera firmata', molto polemica relativamente alle imprecisioni sull'origine dell'8 marzo e all'egemonia esercitata dalla sinistra (a parere dello scrivente) su tale ricorrenza.
La Giornata (non Festa) Internazionale dei Diritti della Donna, come tante altre date topiche, ha in effetti un'origine controversa...

La compianta astigiana Marisa Ombra, già vicepresidente dell'Anpi e - sorry - anche lei di sinistra, ci ha scritto sù un libro. Nell'immaginario collettivo ormai consolidato, la Giornata dell'8 marzo è legata all'incendio di una fabbrica in cui morirono tante lavoratrici. Incidenti come questo ce ne sono stati eccome, anche se non sono avvenuti l'8 marzo. Nel nostro piccolo, anche Asti ha pagato il suo tributo con l'incendio della Stilar dove morirono le Brusaji.
Fa una così enorme differenza se la data non era proprio quella? Segnalo che la famosa cometa di Betlemme, in base alle ricostruzioni storiche, comparve nei cieli a Marzo e non il 25 dicembre: ci metteremo a questionare anche sul Natale?

In quanto alla presunta egemonia da parte della sinistra. I fatti hanno la testa dura, e i fatti storici anche peggio. La Giornata Internazionale dei Diritti della Donna è nata nell'ambito della difesa del lavoro, e in un'epoca - l'inizio del secolo scorso - in cui la condizione delle donne lavoratrici era terribile.
Qualche anno fa abbiamo condotto una ricerca sulle leggi che hanno regolato il lavoro delle donne, appunto dall'inizio del secolo scorso ad oggi. Seppur tanta strada rimanga da fare, è stato spaventoso constatare il punto di bestiale sfruttamento da cui siamo partite.

Se una egemonia sull'8 marzo esiste, è quella del movimento del lavoro. Se poi questo mondo è stato frequentato soprattutto dalla sinistra, allora il problema casomai è della destra.

L'estensore della lettera si faccia una domanda e si dia una risposta.

 

Altritasti Periodico on line dell'Associazione di Promozione Sociale Altritasti - via Carducci 22 - 14100 Asti - C.F. 92060280051
Registrazione: Tribunale di Asti n. 7/2011 del 28.10.2011 - Direttore Responsabile: Alessandro Mortarino