di Gino Sansone, esperto di alimentazione mediterranea, macrobiotica, ayurvedica.
ImageAlcune note ai margini del Seminario organizzato dall'Associazione Dendros e tenutosi in Aprile a Canelli.

Nutrirsi in modo naturale non è certo seguire le pubblicità ingannevoli delle multinazionali alimentari né tanto meno seguire le indicazioni di una "scienza dell'alimentazione" o "dietologia moderna" molto confusa. Nutrirsi in modo naturale significa entrare in sinergia con il mondo naturale, con il modo in cui la Natura si esprime; cominciando dalla comprensione di qual'è il cibo che è adatto allo sviluppo fisico, psichico e spirituale (in senso junghiano !) dell'essere umano.

di Giannozzo Pucci.
ImageGli amici dell'A.S.C.I. (Associazione per la Solidarietà alla Campagna Italiana) ci hanno messo a disposizione questo documento che a noi pare molto importante: una specie di “rivoluzione copernicana” che riassume i punti nevralgici di un possibile rovesciamento del rapporto tra agricoltura e industria, tra crescita e natura, tra libertà e futuro.
Ne è autore Giannozzo Pucci, uno dei più autorevoli ambientalisti italiani, con la preziosa collaborazione di Vandana Shiva (di cui pubblichiamo una necessaria presentazione introduttiva alla “Carta”), del poeta-contadino Wendell Berry (già autore del Manifesto del Contadino impazzito) e del fondatore del Movimento per la Decrescita Felice Maurizio Pallante.
Questa proposta politico/sociale ci pare segua perfettamente l'idea di costituzione di un movimento per lo “stop al consumo di territorio” proposto la scorsa settimana e in forte fermento tra le colline di Langhe, Roero e Monferrato ...

di Giulio Cesare Bertolucci.
ImageE’ una cosa ridicola: quale persona sana di corpo e di mente metterebbe anelli intorno al collo per allungarlo come una giraffa o si  stringerebbe in vita in modo così stretto da soffocare e svenire o si fascerebbe i piedi il più stretto possibile e fin dall’infanzia per averli minuscoli ? Quanto sono selvaggi e primitivi questi costumi, degni di ritualità e usanze tribali in parti remote del mondo che la civiltà e la cultura moderne hanno spazzato via. E’ molto più civile per una donna spendere somme folli per farsi rifare i seni o le natiche riempiendole di silicone o rendere turgide le labbra iniettandole di collagene o di combattere le rughe del tempo con iniezioncine di botulino o di pasteggiare con intrugli innominabili pur di dimagrire; o per un uomo prendere pillole anabolizzanti per farsi venire un torso da Ercole, prendere Viagra per soddisfare amanti più o meno esigenti o assumere intrugli nauseanti e senza prove mediche per “essere in forma”: è un fatto della nostra “civiltà”  che i ricchi, uomini e donne, spendono ogni anno 160,0 miliardi di dollari per apparire più belli, più giovani, più attraenti, più gagliardi nelle attività sessuali e per attrarre e far invidia a chicchessia tentando di combattere il tempo e la natura ...

di Oscar Pastrone.
ImageA partire dal 1° settembre un piatto di minestrone o di peperonata sarà probabilmente più ricco. Strano: in mezzo a tanti messaggi di penurie, ristrettezze, sacrifici, c'è una notizia positiva e non viene enfatizzata sui mezzi di comunicazione ? Ma sì, tutto questo silenzio ha una motivazione ... piatti più ricchi è vero, ma di fitofarmaci: meglio tacere.

di Marisa Pessione.
ImageSi chiama “Agricoltura Naturale” e rappresenta un preciso modo di essere prima che una tecnica specifica; si è sviluppata in Giappone (e in molte parti del mondo) negli ultimi quarant'anni grazie alle pratiche ed alle teorie di Masanobu Fukuoka. Nonostante siano trascorsi molti anni, resta ancora un modello inapplicato di enormi, rivoluzionarie possibilità; ma la moderna agricoltura resta incardinata su un modello simmetrico a quello industriale e mostra di non potere (non volere) dare spazio ad ipotesi alternative ...
Fukuoka si è spento lo scorso 16 Agosto, all'età di 95 anni: quanti di voi ne hanno avuto notizia attraverso telegiornali o quotidiani ?
Ci piace ricordarlo, stralciando alcune sue perentorie affermazioni tratte dalla “Rivoluzione del filo di paglia” ...
Altritasti Periodico on line dell'Associazione di Promozione Sociale Altritasti - via Carducci 22 - 14100 Asti - C.F. 92060280051
Registrazione: Tribunale di Asti n. 7/2011 del 28.10.2011 - Direttore Responsabile: Alessandro Mortarino