A cura di Domenico Sanino, Presidente Pro Natura Cuneo.

A Cuneo ci sono due ospedali, uniti in un’unica azienda: l’ospedale Santa Croce, di antica origine, oggi localizzato sull’altopiano, nel centro cittadino, a poche centinaia di metri dalla stazione ferroviaria, e l’ospedale Carle, creato nel 1935 nella frazione Confreria, al di là del fiume Stura, per curare gli ammalati di tubercolosi. Il Carle ha tutto attorno un grande parco, oggi mal tenuto, e terreni agricoli ancora coltivati. Il Carle negli ultimi anni ha ospitato alcuni reparti qui trasferiti dal Santa Croce. Quando è scoppiata la pandemia da Coronavirus è stato trasformato in ospedale Covid, proprio per la sua posizione decentrata e indipendente...

Il Presidente Cirio dichiara: oggi 26 Gennaio 2021 celebriamo un giorno importante, le ruspe sono operative.

A cura del Direttivo dell’Osservatorio per la tutela del paesaggio di Langhe e Roero.

Il nuovo anno è iniziato sotto l’incubo della pandemia, ma una notizia, attesa ed annunziata infinite volte, è giunta a rasserenare, per quanto possibile, l’orizzonte oscuro, non solo per le nevicate previste. Questa: i ministri delle finanze e delle infrastrutture hanno posto le firme definitive e il 26 Gennaio 2021 le ruspe sono arrivate nel cantiere. L’autostrada Asti-Cuneo verrà terminata entro i prossimi tre anni!...

A cura dell’Associazione Mondovivo.

Martedì 26 gennaio, l’Associazione Mondovivo è stata ricevuta negli uffici della presidenza della Regione Piemonte dal Presidente Alberto Cirio, dal Vicepresidente con delega all’Urbanistica e Programmazione Territoriale Fabio Carosso e dall’Assessore ai Trasporti e Infrastrutture Marco Gabusi. Il Presidente di Mondovivo, Paolo Rossi, ha consegnato al Presidente Cirio le oltre 2000 firme raccolte a sostegno della petizione con la quale Mondovivo e altre realtà associative hanno chiesto alle autorità di agire per difendere il territorio e l’ambiente a tutela della salute dei cittadini monregalesi, in considerazione della prospettata realizzazione di un polo logistico nell’area ex-Cobra a Mondovì...

di Maurizio Bongioanni.

Buongiorno, i migranti di Bardonecchia hanno bisogno di calze pesanti e scarpe”. Inizia così l’appello che Marco Sicco, attivista di Cortemilia, ha inviato su WhatsApp a una rete di contatti che comprende diverse associazioni attente alle tematiche sociali dei territori di Alba, Cortemilia e dintorni. Un messaggio che non è caduto nel vuoto ma che anzi ha scatenato una vera e propria ondata di solidarietà. In pochi giorni, infatti, diversi locali di Alba - che hanno messo a disposizione i loro spazi per accogliere gli indumenti donati - sono stati sommersi di borse e borsoni, pieni non solo di scarpe e calze ma anche maglioni, guanti e sciarpe. Tutto l’occorrente, insomma, per far sì che i rifugiati dell’Alta Valle Susa possano proteggersi dal freddo invernale. Parliamo di tutti quei migranti in transito tra Italia e Francia e che trovano assistenza, cibo e un posto per dormire grazie a diverse organizzazioni, nonostante vengano considerati “irregolari” dalle leggi internazionali e che quindi possono contare solo sulla solidarietà dei territori.

Associazioni e Comitati a tutela dell'ambiente hanno formalmente interpellato la Provincia di Cuneo sottolineando preoccupazioni e criticità per la nuova richiesta di un'azienda locale di essere autorizzata alla modifica dell’impianto di trasformazione e valorizzazione di sottoprodotti animali, situato in Loc. Cantarelli, mediante l'aggiunta di un sistema di combustione alimentato a farine animali. L'azienda è la In.pro.ma. srl (acronimo di Industria produzione mangimi), il cui impianto ha generato nel recente passato ripetuti problemi di tipo ambientale, rilevati dalle competenti Istituzioni di controllo...

Altritasti Periodico on line dell'Associazione di Promozione Sociale Altritasti - via Carducci 22 - 14100 Asti - C.F. 92060280051
Registrazione: Tribunale di Asti n. 7/2011 del 28.10.2011 - Direttore Responsabile: Alessandro Mortarino