di Marco Bersani, Attac Italia.
ImageNell'analisi del portavoce italiano del movimento internazionale Attac, il percorso popolare che portò alla vittoria del referendum per il “NO” al nucleare nel nostro paese, senza costruire una vera politica energetica alternativa.
Una base di conoscenze e di stimoli essenziali per porre nuove basi alle sfide prossime che il futuro pare volerci offrire, dopo le scelte del nuovo Governo nazionale di riproporre un articolato piano energetico fortemente canalizzato sull'uso del nucleare di “nuova generazione” ...

ImageParecchie novità si registrano sul fronte del contestato progetto per l'inceneritore di rifiuti astigiano. L'incontro di Torino dell'Ato 2 rifiuti piemontesi non ha sortito effetti concreti, se non una “spaccatura” tra le sei province coinvolte; ora pare profilarsi all'orizzonte un possibile nuovo Ato composto solo dalle province di Asti ed Alessandria: la prima ospiterebbe l'inceneritore e la seconda una discarica (di grandi dimensioni) per le ceneri da risulta, a mezza via tra i due capoluoghi (tra Solero e Quargnento). Ma nulla di certo vi è ancora e il dubbio che l'indifferenziata di sei province fosse insufficiente per alimentare un “forno” acceso 24 ore su 24, ora diventa una certezza dalle mille incognite per due sole province ...
A Quarto, intanto, è sorto un comitato locale contrario a qualunque ipotesi di inceneritore. Continua con ottimi risultati la raccolta firme popolari per le due petizioni (No all'inceneritore e Sì al progetto “Rifiuti Zero”).
Il 20 Ottobre, ad Asti, su iniziativa del Comitato “Asti Non Brucia”, primo incontro/confronto pubblico sul tema tra Amministratori e Cittadini: era ora ...

di Giulio Cesare Bertolucci.
ImageSe il naso del signor Robert Parker, gran Maestro Assaggiatore di Vini americano, si arricciava nell’annusare un particolare vino in una delle grandi cantine di Bordeaux, il prezzo di quel vino precipitava irreparabilmente.
La Baronessa Philippine de Rotschild, produttrice di alcuni grandi Mouton, disse una volta che produrre e vendere vino, in fondo, non è un mestiere troppo complicato: solo i primi duecento anni sono un po’ difficili. E da allora la tradizione ha fatto il resto, sulla scorta anche che i grandi Bordeaux, in particolare, e per merito imperituro di Alexandre Dumas, erano i vini preferiti dai Moschettieri del Re.
Peccato che in Italia nessun romanziere di successo abbia mai detto che - ad esempio - il Barbera e la Freisa d’Asti (che chi scrive, con una certa esperienza, considera fra i migliori al mondo) erano i vini favoriti dai Carabinieri Reali ...

di Alessandro Mortarino.
ImageC'è un esempio molto interessante in Italia su cui sarebbe utile che ogni cittadino sensibile al futuro del proprio territorio e del pianeta intero ponesse attenzione. Protagonista è un piccolo Comune dell'hinterland milanese (poco meno di 1.700 abitanti): Cassinetta di Lugagnano. Che negli ultimi anni ha scelto di risparmiare il proprio suolo da nuove ondate cementificatrici e percorrere la strada della “crescita zero”, cioè della piena sostenibilità.
E dato che in queste settimane un gruppo di “coraggiosi” cittadini (residenti in quella sorta di “macroregione” che è la zona Roero-Langhe-Monferrato, territorio che si è recentemente candidato al riconoscimento Unesco quale “patrimonio dell'umanità”) ha iniziato ad elaborare un progetto ispirato proprio alla “crescita zero”, ci piace raccontare ai nostri lettori l'esperienza di Cassinetta di Lugagnano, attraverso le parole del suo Sindaco, Domenico Finiguerra. In attesa che i fermenti vivi che usciranno dal gruppo dei “coraggiosi” delle nostre colline, non si materializzino in un programma ispiratorio anche per amministratori pubblici, società civile intera, costruttori di un nuovo modello di comunità felice ...
Altritasti Periodico on line dell'Associazione di Promozione Sociale Altritasti - via Carducci 22 - 14100 Asti - C.F. 92060280051
Registrazione: Tribunale di Asti n. 7/2011 del 28.10.2011 - Direttore Responsabile: Alessandro Mortarino