In questi giorni AltritAsti ha spento la sua ottava candelina e il nostro percorso, iniziato nel freddo inverno del 2008, entra nel suo nono anno di vita e di pubblicazione: niente male, vero ? E chi l'avrebbe mai detto che il nostro sito di informazione & formazione sociale "dalla provincia di Asti per un altro mondo possibile" avrebbe avuto una esistenza così longeva, tanto da presentarsi al nuovo anno "in trincea" senza rughe nè tentennamenti ?
Beh, lo confessiamo, noi l'avremmo detto ! Ne eravamo abbastanza certi quando abbiamo posato la prima pietra (nel senso di "il primo articolo/post") in quel gennaio ricco di fermenti. E siamo ben convinti che la strada che abbiamo intrapreso era una via inesplorata e, proprio per questo, assolutamente da perlustrare ...


Natale: in arrivo. Capodanno: in arrivo. Epifania: in arrivo. Tutto sotto controllo, nulla è cambiato, il mondo è sempre al proprio posto, anche se non è così facile affermare che tutto sia perfettamente "a posto".
Anche quest'anno il tempo degli auguri e del riposo ci ha raggiunti, ma diversamente dal solito non abbiamo voglia di sperticarci in auguri e promesse: vogliamo un Natale (e Capodanno e Epifania ...) sobrio, sobrio, sobrio. Anche nelle parole.
I nostri auguri li lasciamo alla più profetica voce di B.B.. No, non Brigitte Bardot. Ma Bertolt Brecht: che ci serva da augurio veroverissimo ! ...



Cari Lettori di Altritasti, alcuni di voi ci hanno segnalato l'impossibilità di inserire commenti agli articoli. Il motivo, presto detto, è dovuto alla direttiva europea sulla privacy, relativa all'uso dei cookies, che obbliga l'accettazione da parte dell'utente a consentire il salvataggio di un cookie sul proprio pc. Il sito Altritasti non traccia le informazioni degli utenti ma utilizza i cookies, la funzione di inserimento commenti ne prevede l'utilizzo, perciò per fruirne occorre prima cliccare sul bottone ACCETTO/I AGREE che segue la comunicazione della direttiva pubblicata in bella evidenza nella home page del nostro sito ...




di Laurana Lajolo.

Appresi la notizia della morte di Pasolini mentre stavo entrando in classe a fare una lezione di filosofia e il primo pensiero è che avevano ucciso l’intellettuale più consapevole del suo tempo nella notte della mia nascita tra il 1 e il 2 novembre. Secondo le leggi popolari quella è la notte delle masche, la notte in cui i morti escono dalle tombe per incontrare i vivi. E Pasolini è stato massacrato proprio quella notte ...



di Luciano "Willy" Rizzolari.

Da anni, passo parte dei miei giorni in Italia e in questa cittá. Ho ritrovato amici e conoscenti e con essi, tra un caffé e una bibita, si riapre la conversazione interrotta nel tempo. Avverto, osservando attorno a me e ascoltando con attenzione, che c’é paura di pensare per conto proprio, senza timore di esprimere delle conclusioni compromettenti, ció che il "buon Carletto” Marx definiva in “la miseria della filosofía”. Una cosa é pensare con la propria testa, scrivere ció che si sente, vivere senza condizionamenti coercitivi; altra cosa é il “bisogna”, il “tu devi”, che si legge diffusamente per la nostra cittá, rivolto ai suoi cittadini, e piú in generale agli italiani, e se si é fuori da queste logiche si é dei “gufi”, “disfattisti”, “conservatori”, non si vuole il cambiamento ...
Altritasti Periodico on line dell'Associazione di Promozione Sociale Altritasti - via Carducci 22 - 14100 Asti - C.F. 92060280051
Registrazione: Tribunale di Asti n. 7/2011 del 28.10.2011 - Direttore Responsabile: Alessandro Mortarino