Questa mattina il Movimento Stop al Consumo di Territorio Astigiano e il Forum Salviamo il Paesaggio hanno presentato alla Provincia di Asti e al Comune di Asti una istanza per richiedere formalmente l'annullamento del procedimento di autorizzazione per la costruzione e l'esercizio dell'impianto di cogenerazione e della rete di teleriscaldamento a servizio dell'ospedale Cardinal Massaia e della città, ritenendolo viziato da un grave "vulnus" ...



di Carlo Sottile, Michele Clemente e Egle Piccinini per il Coordinamento Asti-Est.

E' parso evidente, con il trascorrere del tempo, che non c'è nessuno oggi nelle nostre istituzioni che caldeggi un epilogo drammaticamente repressivo delle quattro occupazioni in città (via Allende, via Orfanotrofio, strada Volta, salita al Fortino). Per la cinquantina delle famiglie che vi sono coinvolte, questo è un bene, anche se provvisorio, visto che altrove (Milano, Roma, Bologna) ci sono stati sgomberi, anche recenti, di palazzi occupati. D'altra parte basterebbe frequentare in questi giorni gli ingressi delle scuole primarie cittadine per rendersi conto che le famiglie “occupanti” vivono una quotidianità dignitosa e carica di futuro; e questa non può essere negata da un superficiale e brutale legalitarismo (solo in via Orfanorofio sono 10 i bambini che frequentano le primarie e 7 che frequentano la scuola materna) ...



di Gianfranco Monaca.

Il Convegno sul Teleriscaldamento ospitato dall'ASTISS lunedì 14 settembre, avrebbe dovuto diradare le nebbie che mi pare restino dense sul progetto della centrale di trigenerazione che dovrebbe sorgere sul sito stesso dell'ospedale Massaia in questa Città. Come cittadino estraneo agli argomenti tecnici dibattuti, devo dire che non ci ho capito molto, salvo che i tanti personaggi a me noti come "uomini d'onore", che hanno preso la parola, hanno espresso pareri discordanti. Niente di male, perché il dubbio è sempre la condizione indispensabile per fare un passo avanti nella scoperta della verità. Se può interessare a qualcuno dei lettori, dico ciò che la tirannia del tempo a disposizione mi ha impedito di dire in sede di dibattito ...



Lettera aperta di Tiziana Valente (Tribunale per i Diritti del Malato - Cittadinanzattiva) al Sindaco di Asti , all'Assessore alla Sanità della Regione Piemonte e al Direttore Generale dell'Asl di Asti.

Dal momento che si è progettato una centrale di teleriscaldamento per 500 condomini e per l'ospedale, senza che attualmente ci sia l'adesione dei condomini o dell'ospedale, né si sia presentata una indagine sui reali bisogni, il Tribunale per i Diritti del Malato - Cittadinanzattiva Asti chiede che al momento non sia data autorizzazione all'uso del terreno (proprietà dell'Asl AT) finché non si sia fatta chiarezza sulle reali necessità - in particolare per l'ospedale - ed eventualmente mettere "a punto azioni di buon senso perché i servizi che l'ospedale offre e che, ricordiamo, sono in gran parte di eccellenza, siano messi nelle condizioni di operare al meglio per la salute dei cittadini" ...



di Paolo Montrucchio.

Ho assistito al convegno organizzato il 14 settembre scorso dal Comune di Asti per promuovere il progetto di produzione di energia elettrica e acqua calda per teleriscaldamento. Nel corso del convegno si sono alternate relazioni specifiche dei promotori del progetto, ovviamente favorevoli, e relazioni teoriche, non riferite specificamente al progetto astigiano, di tecnici di ENEA e ANTITRUST; sono anche intervenuti due Sindaci di città teleriscaldate che hanno illustrato le rispettive realizzazioni. Sono poi intervenute varie persone del pubblico che hanno fatto domande e prevalentemente espresso dubbi e critiche. A conclusione del convegno, il Sindaco di Asti ha dichiarato pubblicamente che la sua determinazione nel difendere il progetto si fonda sulla fiducia nei calcoli e valutazioni che i tecnici dell'azienda di produzione hanno elaborato circa la riduzione dell'inquinamento cittadino, e che, se invece non fosse così,  non avendoglielo ordinato il medico di attuare il progetto, lo annullerebbe ...  

Altritasti Periodico on line dell'Associazione di Promozione Sociale Altritasti - via Carducci 22 - 14100 Asti - C.F. 92060280051
Registrazione: Tribunale di Asti n. 7/2011 del 28.10.2011 - Direttore Responsabile: Alessandro Mortarino